Politica

AREA RIETI, UNA PORCHETTA ALLA FACCIA DI DEL RIO

porchetta del rio

Martedì 10 ottobre dalle ore 18.00, a piazza Cavour, i militanti di Area Rieti e del Movimento Nazionale per la Sovranità offriranno ai cittadini un panino con la porchetta da mangiare alla faccia del ministro Del Rio e degli altri esponenti di sinistra che scioperano per l’approvazione dello Ius Soli. “Leggere che un ministro, un paio di sottosegretari e qualche deputato iniziano uno sciopero della fame ( a staffetta, e già così fa ridere) per chiedere la rapida approvazione dello Ius Soli”- ha dichiarato Chicco Costini –“lascia basiti. E’veramente risibile che esponenti del governo e della maggioranza protestino per chiedere che venga approvata una legge, squallida operazione di “marketing elettorale”; indegna è invece la motivazione: nel nostro paese quattro milioni di italiani si trovano sotto la soglia di povertà, centinaia di migliaia di concittadini vivono grazie alla carità, migliaia di terremotati dovranno affrontare un secondo inverno al freddo, migliaia di giovani debbono emigrare e importanti esponenti della sinistra sentono la necessità di digiunare per chiedere che sia semplificata la possibilità di ottenere la cittadinanza ai figli dei clandestini che stanno invadendo la nostra Nazione. Questi signori dimenticano che i “i figli dello Ius Soli” in Europa sono gli stessi che insanguinano le nostre città, a dimostrazione che la cittadinanza non collima con integrazione. Area Rieti e il MNS martedì contesteranno in modo goliardico questi politici, traditori del popolo, mangiando porchetta alla faccia loro. Sabato 14 saremo poi in piazza a Roma, per portare in strada la nostra lotta contro chi vuole la sostituzione etnica degli italiani.”

Potrebbe interessarti anche

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>