Economia, Politica

EDA INDUSTRIES IN FESTA, 25 ANNI DI SUCCESSI E NUOVI IMPIANTI: NON SCAPPIAMO, ALTRI SPAZI E ALTRO LAVORO IN ARRIVO

  • 1/17
  • 2/17
  • 3/17
  • 4/17
  • 5/17
  • 6/17
  • 7/17
  • 8/17
  • 9/17
  • 10/17
  • 11/17
  • 12/17
  • 13/17
  • 14/17
  • 15/17
  • 16/17
  • 17/17

Di: Armando Michel Patacchiola

C’è un segreto in “Eda Industries” azienda che da 25 anni opera sul nostro territorio e in tutto il mondo nel competitivo mondo dei semiconduttori. E ce lo dice direttamente il Ceo Fortunato Palella, ai microfoni di “Start TV” : il segreto è “fare quello che piace con determinazione e coraggio. Facendo così le fatiche non si sentono e si superano molto più facilmente gli ostacoli”.

Nonostante le difficoltà del sistema Italia, tra cui, come ha ricordato durante la cerimonia di festeggiamento del 25esimo anno di attività, le tasse più alte rispetto agli altri Paesi, soprattutto in Asia, dove risiede parte della produzione e tanto altro ancora. Palella ha dimostrato di essere un imprenditore-coraggio, per nulla intenzionato a lasciare il nostro territorio.

La “Eda Industries” ha dimostrato di avere molto di più del cuore e del cervello qui a Rieti. Lo dimostra il nuovo capannone, inaugurato oggi, dove verranno sviluppati dei prototipi. A cui si affiancheranno le già consolidate operazioni di controlli qualità e produttive in genere.

“Questo capannone è un messaggio al territorio che noi vogliamo restare, che vogliamo crescere e non vogliamo scappare. Avremo la possibilità di creare altri spazi di lavoro e incrementare l’organico” e “aumentare gli spazi per sviluppare i prototipi in casa e velocizzare lo sviluppo” per assecondare le esigenze dei clienti di tutto il mondo, che altro non chiedono di prodotti di qualità in tempi rapidi. Linfa per il nostro territorio. Che da anni ha imparato ad apprezzare e a contare sulla “Eda Industries”. Ne è consapevole Davide Bianchino, direttore di “Federlazio”, che ai nostri microfoni ha sottolineato questa come “un’altra ottima, bella notizia per il territorio”. E di come “fortunatamente ci siano queste notizie”. Anche per questo Federlazio si è detta fiera di “Eda Industries”.

Una crescita costante e progressiva “che non ha mai avuto cadute.[…] cresciuta lentamente e progressivamente. [che] non ha mai riservato sorprese allarmanti per la città di Rieti [e che oggi], con la celebrazione contestuale della dei 25 anni di attività, ci rallegra” ha commentato ai microfoni di “Start Tv” il sindaco di Rieti Antonio Cicchetti, accompagnato dall’assessore alle attività produttive Daniele Sinibaldi.

“Cosa fondamentale – ribadisce Davide Bianchino – è da sottolineare come “Eda Industries” abbia tenuto la testa pensante, ossia il Quartier Genarale, qui a Rieti. Non a caso “siamo qui a pensare anche un nuovo capannone” e “un aumento dell’attività produttiva [e] nuove assunzioni.

Note liete per i reatini, rafforzate anche dal Presidente della Camera di Commercio Vincenzo Regnini, che ha posto l’accento sull’importanza internazionale di “Eda”, elogiando come “quest’azienda si stia industrializzando in maniera importante”, e che nonostante la crescita, “continua ad avere la propria testa pensante e il cuore pulsante nel nostro territorio e che è certamente un motivo di soddisfazione e un ritorno occupazionale importante e anche una nota di speranza per tutti noi”.

Raggiante anche il sindaco di Cittaducale Leonardo Ranalli “padrone di casa”, visto che la “Eda” si trova in via dell’Elettronica, dirimpettaia dell’ex “Texas Instruments”, sul territorio da lui governato. Ranalli ha ricordato come si tratti di “un anniversario importantissimo che conferma la quantità e la qualità di questo management che ha fatto crescere negli anni l’azienda e oggi la conferma con un ampliamento dello stabilimento che per noi è un motivo d’orgoglio perché in un panorama dove le difficoltà si fanno sentire, se ci sono aziende come queste che investono che sviluppano per noi è un motivo di successo”. Una festa senza ombre a cui erano presenti anche l’assessore al Lavoro della Regione Lazio Claudio Di Bernardino e altri esponenti della comunità scientifica nazionale.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*