A CAPO D’ORLANDO LA ZEUS TESTA LE PROPRIE AMBIZIONI LONTANO DAL PALASOJOURNER

Ott 27, 2019 | Altre Notizie | 0 commenti

RIETI – Questa sera la NPC tenterà di violare il parquet di Capo d’Orlando. Nei 5 anni di militanza in serie A2, il team del presidente Giuseppe Cattani non mai è riuscito nell’intento. Gli amaranto celeste ci andarono vicini (e molto) lo scorso anno che l’Orlandina disponeva di una formazione stellare per la categoria. Ci riproveranno oggi (palla a due ore 18) con la consapevolezza di affrontare una squadra che, al pari di molte e della stessa Rieti, è ancora un cantiere in corso. Quindi con tutte le incognite del caso: su di una sponda come sull’altra. La Zeus, per l’ennesima volta, dovrà fare a meno di Stefanelli. L’atleta toscano, dalle indubbie qualità tecniche, doveva essere la freccia indigena più acuminata della compagine reatina. Ma fino ad oggi, in ragione di continui contrattempi di natura fisica, probabilmente da riconnettersi al grave infortunio patito dal giovane circa un anno e mezzo or sono (lesione del legamento crociato, con conseguente intervento di ricostruzione dell’arto offeso), Stefanelli non ha praticamente mai calcato il parquet, ad eccezione di qualche comparsata nella pre-season. “Non so ancora se Stefanelli scenderà finalmente in campo – dice il coach Alessandro Rossi dal suo telefonino, a qualche ora dall’inizio della partita – ma è più no che si. E comunque, dovesse giocare, si parlerebbe di un impiego limitato a pochissimi minuti”. Così spetterà ancora una volta all’ottimo e giovanissimo Filoni surrogare Stefanelli. E’ fuor di luogo che l’assenza di questo forte cestista priva la Zeus di un elemento fondamentale nel progetto tecnico-tattico partorito la scorsa estate. Quanto, ancora, Rieti lo potrà aspettare? La classifica, per il momento, arride alla NPC e la squadra può veleggiare pure senza di lui. La trasferta odierna dirà molto in merito alle capacità di tenuta degli amaranto celeste lontano dalle mura amiche del PalaSojourner. “Giochiamo contro una squadra di grande orgoglio e cuore, oltre che ben organizzata – afferma Ale Rossi – abbiamo caratteristiche più o meno simili dal punto di vista caratteriale. Per questo mi aspetto una partita tosta e “sporca”. Dobbiamo metterci alla prova lontano da Rieti e la gara di Capo d’Orlando, al di là di quello che sarà il punteggio finale, è un buon test in tal senso. L’obiettivo è quello di conoscere le nostre reali potenzialità lontano dalla casa madre del PalaSojourner e, ribadisco, oltre il risultato, la prestazione sarà importante per capacitarsi dei nostri progressi in tale contesto”. Capo d’Orlando è reduce dal successo ottenuto a Trapani. I cestisti del coach Sodini sono alle prese con gl’infortuni e devono ancora rinunziare al secondo atleta americano. Così larga parte delle responsabilità gravano sull’ottimo Bryce Johnson (17.7 ppg, il 61% da due – una sentenza – addirittura 13 rimbalzi!), un’ala centro che poco o niente ci azzecca con la serie A2, essendo giocatore di levatura superiore. L’Orlandina dispone di molti giovani, tutti forti ed interessantissimi, già noti agli appassionati dello sport dei giganti: Lorenzo Querci (addirittura 18 anni), Simone Bellan (con i suoi 23 anni, quasi un veterano), Joseph Mobio (21 anni), Giancarlo Gallipò (19 anni), Matteo Laganà (19 anni e 19 punti segnati a Trapani), Ricards Klanskis (soltanto 16 anni). In ogni caso le sconfitte subite a Latina (79-63) ed in casa contro Torino (64-74) dicono chiaramente che l’odierna Capo d’Orlando è squadra “battibile”. Soprattutto se la Zeus saprà essere solida e concentrata com’è avvenuto affrontando Tortona e nonostante la perdurante assenza di Stefanelli. (Valerio Pasquetti)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi