ALLUVIONE PIANA REATINA: CHIESTO CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO

Mar 5, 2021 | Politica | 0 commenti

Insieme ai colleghi di Fratelli d’Italia,  Forza Italia,  Giosuè Calabrese, Roberto Casanica e Letizia Rosati,  “abbiamo presentato la richiesta di convocazione di un  consiglio comunale straordinario – scrive il consigliere Andrea Sebastiani –  per discutere della recente alluvione che ha flagellato il nostro territorio nelle settimane scorse creando ingenti danni alla popolazione, alle aziende agricole e alle colture.”

Quello che chiediamo a tutto il consiglio è di condividere e approvare l’odg sottoscritto e allegato alla richiesta di indizione di un consiglio comunale straordinario con l’obiettivo di impegnare il Sindaco e la Giunta a mettere in campo ogni azione utile, in sinergia con la Provincia, per chiedere la revoca di tutte le grandi concessioni idriche rilasciate dalla Regione nei confronti dei concessionari, laddove essi si siano dimostrati inadempimenti degli obblighi previsti dal disciplinare di concessione, assai datato poiché risalente addirittura al 1950.
Verificando, altresì, che gli stessi concessionari abbiano adempiuto all’obbligo di versare tutti i canoni concessori che, in quota parte, dovevano essere poi trasferiti dalla Regione Lazio sul territorio sotto forma di risarcimento per lo sfruttamento delle nostre acque.

L’odg proposto che verrà presentato anche in Provincia, pur con le opportune modifiche per adattarlo alla necessità di coinvolgere tutti i Sindaci del territorio in questa battaglia a tutela degli interessi dell’intero territorio, comunale e provinciale – dichiarano i consiglieri Sebastiani, Chiarinelli e Nobili – mira anche a costringere gli organi preposti a modificare il disciplinare di gestione in essere, posto che nel corso di 70 anni dalla sua articolazione sono intervenute modifiche sostanziali tanto nella dinamica precipitazionale, in termini di aumento dell’intensità della stessa, come dimostrato dalle maggiori strutture di ricerche, quanto in chiave di urbanizzazione e assetto geomorfologico del territorio stesso.

Quello che, tuttavia, sembrerebbe emergere è l’intempestività e l’inefficacia, nel caso dell’alluvione che ha interessato la Città di Rieti nelle settimane scorse come di quella avvenuta nel 2010, degli interventi adottati dalla Soc. Erg Hydra che gestisce le dighe del Turano e del Salto per drenare il flusso idrico. Atteso che tra le prerogative del gestore vi è quella di comunicare al Comune i dati della quantità delle precipitazioni in arrivo che, a sua volta, ha l’obbligo di attivare ogni misura emergenziale in via precauzionale, dalla predisposizione delle squadre di Protezione Civile Comunale a quella di attivazione del centro operativo comunale.

La Società Erg – procedono i consiglieri – non poteva quindi non sapere della presumibile quantità d’acqua che si sarebbe riversata sul territorio avendo peraltro ben a conoscenza il livello raggiunto dall’invaso delle due dighe interessate dalla concessione.

Non è più tollerabile che si continui a trattare questa Provincia e i suoi abitanti come sudditi dei grandi interessi delle multinazionali e della vicina Capitale, crediamo che sia ormai giunta l’ora di alzare la testa e rivendicare legittimamente quello che a noi spetta. Chi produce ricchezza e fa profitto sfruttando le risorse idriche, ambientali, paesaggistiche dei nostri territori deve essere obbligato ad un equo risarcimento per poter essere reinvestito in ogni singolo Comune e a vantaggio di ogni singola comunità – concludono i consiglieri.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi