Altre Notizie

AMATRICE, AGRICOLTORE ASSALITO DA CINGHIALE: IL COMMENTO DI COLDIRETTI

È una situazione insostenibile, le istituzioni regionali non possono continuare a sottovalutare una problematica che è diventata di ordine pubblico, perchè oltre a compromettere i raccolti, il lavoro e l’economia del sistema agricolo provinciale mette addirittura a rischio la stessa incolumità delle persone, dei nostri agricoltori che corrono rischi persino quando escono di casa per andare al lavoro. Non è bastata l’approvazione della nuova legge regionale, fortemente sostenuta da Coldiretti, per cambiare pagina e mettere in campo gli interventi risolutivi pur previsti nella nuova normativa. La legge è stata approvata ormai da tempo, ma nemmeno una delle nuove misure introdotte è stata attuata. Non sono stati risarciti i danni causati negli ultimi anni dalla fauna selvatica alle aziende agricole, non sono state finanziate le misure di prevenzione, nè sono stati varati i piani di abbattimento selettivo dei cinghiali la cui popolazione, a Rieti come nel resto della regione Lazio, ha assunto dimensioni preoccupanti e raggiunto numeri impressionanti. Gli animali ormai sconfinano, lasciano sempre più spesso i parchi e le aree protette, vagano lungo le strade, spingendosi persino nei centri urbani. Se poi ci troviamo costretti a commentare addirittura il ferimento di esseri umani, vuol dire che siamo arrivati al punto di non ritorno, cioè ad una situazione di indifferenza istituzionale indifendibile che auspichiamo venga superata con l’adozione di risposte e di misure urgenti, drastiche, efficaci. In Regione c’è una legge nuova di zecca introdotta per declinare sui territori tutti gli interventi necessari a superare l’emergenza e programmare una migliore e più efficace gestione della fauna selvatica.
Così la Coldiretti di Rieti commenta l’episodio, accaduto ad Amatrice, del ferimento di un agricoltore (Fernando D.G. di 52 anni) assalito da un cinghiale e costretto al ricovero in ospedale.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*