Altre Notizie

“Bocciato il taglio delle Province. E adesso?”

di Marino Formichetti, Pres. Comitato Terni-Rieti in Umbria

“Ieri, i giudici costituzionali hanno bocciato la riforma degli enti prevista dal “Salva Italia”  perché ritenuta materia che non si può disciplinare con un decreto legge. Un no, definito, quindi, al taglio e alla riforma delle province, che ci avrebbe visto accorpati a Viterbo. Una buona notizia, quasi scontata visto il decreto Monti, pasticciato e superficiale. Ma adesso? La condizione della nostra Provincia è ben nota: senza più un presidente, con il solo commissario e con un bilancio pesantemente tagliato, in applicazione dei decreti “Salva Italia” che la dava già come sparita, tanto da essere stata quasi del tutto svuotata dalle sue funzioni e mantenuta in agonia fino al Primo gennaio 2014, data del fatidico appuntamento per  predisporre il nuovo corso dei territori provinciali. Nel frattempo il presidente Letta e i suoi  ministri continuano a parlare di abolizioni. Anche in questo caso non si sa come. Prevedono forse una riforma costituzionale del titolo V? Difficile credere che non conoscano quali siano i tempi, in Italia, per una riforma costituzionale. Credo invece che i cittadini dovranno tornare alle urne per rieleggere i loro rappresentanti nel 2014, poi si vedrà. La speranza è che sia finita l’epoca delle violenze ai territori e che, nel frattempo, si aprano serie discussioni sulla possibilità di creare idee utili allo sviluppo delle aree interne. Per questa strada ci sono già interessanti spunti”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*