CARABINIERI ISPETTORATO DEL LAVORO, DAL 2019 CONTROLLATE 1.258 IMPRESE, TROVATI 285 LAVORATORI IN NERO, 488 PERSONE DENUNCIATE

Giu 29, 2023 | Cronaca | 0 commenti

CARABINIERI ISPETTORATO DEL LAVORO, DAL 2019 CONTROLLATE 1.258 IMPRESE, TROVATI 285 LAVORATORI IN NERO, 488 PERSONE DENUNCIATE E 2.094 ILLECITI AMMINISTRATIVI CONTESTATI.

 

Comparto di specialità assegnato per legge alla competenza dell’Arma dei Carabinieri è la tutela del lavoro.

In provincia di Rieti opera, sulla tematica, il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, sito nel Capoluogo di provincia, in Via Fundania s.n.c. Torre “A”, negli uffici dell’Ispettorato del lavoro di Terni e Rieti, dal cui Dirigente dipende funzionalmente. Gerarchicamente, invece, il N.I.L. di Rieti è posto alle dipendenze del Gruppo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Roma e ha un territorio di competenza che, oltre ai 73 comuni della Provincia di Rieti, si estende anche a 24 comuni della Città Metropolitana di Roma.

Comandato dal settembre 2009 dal Luogotenente Alessandro Conte, coadiuvato da un Vice Brigadiere e da un Carabiniere Scelto, opera in piena sinergia con i reparti territoriali e la specialità forestale, con il prioritario scopo di garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro e, più in generale, tutelare il lavoratore.

Le origini del Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro risalgono al lontano 1926, quasi cento anni fa, quando si concretizzò l’intendimento dell’Arma di assicurare, attraverso la professionalità di militari appositamente destinati, la vigilanza nel delicato comparto della legislazione sociale. Il N.I.L. annovera, tra i suoi eterogenei compiti, la vigilanza sull’applicazione delle normative in materia di:

  • diritti civili e sociali, tutela dei rapporti di lavoro e di legislazione sociale ovunque sia prestata qualsivoglia attività lavorativa;
  • salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • occupazione delle “categorie protette”, sulla tutela del lavoro degli adolescenti e in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità.

Soltanto con riferimento all’ultimo quinquennio, quindi a far data dal 1 gennaio 2019, i Carabinieri del N.I.L. di Rieti, unitamente ai Comandi Stazione territorialmente competenti e alla specialità forestale, in stretto coordinamento con il personale dell’Ispettorato del lavoro di Terni e Rieti, hanno:

  • controllato complessivamente 1.258 aziende, riscontrando irregolarità in 638 di esse;
  • trovato ben 285 lavoratori in nero;
  • contestato 2.094 illeciti amministrativi in materia di lavoro ed emesso verbali per violazioni amministrative (in misura ridotta) pari a 8.954.317,62 euro;
  • effettuato 81 sospensioni di attività imprenditoriali per lavoro irregolare (in nero) o per gravi violazioni in materia di sicurezza;
  • deferito all’Autorità Giudiziaria 488 persone, con un arresto per caporalato (art. 603 bis c.p.); 226 di esse sono state denunciate in stato di libertà per aver indebitamente percepito il reddito di cittadinanza, per un ammontare complessivo pari a 592.243,00, scongiurando, così, un danno all’Erario stimato in 4.814.130,00 euro;
  • emesso 236 prescrizioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, con ammende contestate per complessivi 336,25 euro;
  • contestato 98 illeciti amministrativi per mancato rispetto dei protocolli anti-contagio Covid-19;
  • effettuato recuperi per omessi versamenti contributivi Inps e assicurativi Inail pari ad euro 2.940.567,00.

Numeri, questi, che aiutano, sia pure solo parzialmente, a rendere la misura dell’impegno repressivo sviluppato nel settore della legislazione sociale.

Ben più difficile è tradurre in numeri, invece, lo sforzo che, ogni giorno, viene profuso per la prevenzione degli incidenti sui luoghi di lavoro.

Basti pensare all’inestimabile attività effettuata sui cantieri della ricostruzione post sisma, con il duplice scopo di assicurare la tutela dei lavoratori e prevenire ogni eventuale infiltrazione criminale, ai controlli ai cantieri stradali, o al contributo essenziale fornito nelle campagne di controllo in atto alle residenze per anziani non autosufficienti e alle imprese di allevamento, oppure al preziosissimo contributo fornito alla formazione della cultura della legalità e della sicurezza sui luoghi di lavoro.

Ultima sfida, in ordine di tempo, è quella offerta dal protocollo d’intesa per la prevenzione di ogni forma di illegalità nell’utilizzo dei fondi del PNRR, destinati alla crescita economica della Regione, sottoscritto il 20 ottobre u.s., in Prefettura a Roma, dal Comandante della Legione Carabinieri “Lazio”, in forza del quale l’Arma, proprio grazie alla capillare presenza sul territorio provinciale e alla sinergia con il N.I.L. e gli altri  comparti di specialità, è chiamata a fornire un apporto essenziale nelle fasi di affidamento e esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, costituendo, altresì, il più forte deterrente alle possibili aggressioni, sul territorio, delle mafie e della criminalità organizzata.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi