Altre Notizie

Caso ASM: l’UGL sulle dichiarazioni di Andrea Sebastiani

Non è più il periodo dei “messaggi promozionali”, riteniamo fuori luogo i proclami di quei personaggi che strillano alla luna, senza esprimere le proprie proposte o intenzioni, – a dichiararlo sono le Segreterie provinciali dell’UGL Trasporti, Igiene Ambiente e Terziario insieme alla Segreteria Generale. –

Le varie dichiarazioni riguardo alle vicende dell’Azienda Servizi Municipali del Consigliere Comunale, Andrea Sebastiani, capogruppo di Rieti che sviluppa, hanno proprio l’aspetto di messaggi auto-promozionali oltre che a essere ricche d’inesattezze con dati e contenuti discutibili. Ricordiamo a Sebastiani – continuano Mario Micheli, Ulderico Torelli, Elisabetta Aleandri e Marco Palmerini – che tra i banchi del Consiglio Comunale occupati dall’opposizione, lui è in compagnia di coloro che furono nel 2005 gli artefici della parziale privatizzazione dell’Azienda Servizi Municipali. Questi hanno sempre sostenuto che quella scellerata vendita delle azioni, era un’operazione obbligatoria è necessaria per il rilancio dell’Azienda, contrariamente a quanto sostenuto dall’Ugl che ricorse contro quel provvedimento presso il TAR, alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti, solo quest’ultima si pronuncio dandoci ragione e Sebastiani dovrebbe saperlo bene.

A Sebastiani e ai suoi colleghi di opposizione – proseguono dall’Ugl – chiediamo di conoscere quali sono le loro idee per tirare fuori l’ASM dallo stato di difficoltà economico, per garantire l’identità pubblica della Società e soprattutto per tutelare i Lavoratori. Insomma, visto che 27 milioni di euro di debiti nei confronti di ASM sono frutto delle passate amministrazioni, anche voi metteteci del Vostro!!!

Confidiamo – concludono i Sindacalisti – in un’opposizione vigile, propositiva e soprattutto capace di assumersi le responsabilità di quanto accaduto nel passato. Noi anni fa avevamo previsto e denunciato quanto sarebbe accaduto, come sempre il tempo è galantuomo!!!

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*