CATELLI A MELILLI: “MA QUALE SUPPORTO SE NON SOSTIENI I PENDOLARI?”

Lug 5, 2015 | Altre Notizie | 0 commenti

On. Melilli,
purtroppo la privacy del suo profilo facebook e dell’Ass. Civita, non mi permettono di replicare a quanto quest’ultimo ha affermato e riportato nella risposta alla sua lettera…ma come vede nulla e nessuno mi impedirà di farlo.

Questo perché, seppure nei primi incontri con l’Ass. in Regione, a noi pendolari “ingenui” ha dato l’impressione di saper ascoltare, nella sua ultima e unica presenza a Rieti, con arroganza e notevole boria, è venuto, ospite in casa d’altri, ad imporre un progetto solo perché presente nel programma elettorale del Suo Governatore (non certo mio visto le poche attenzioni rivolte a questo territorio).
Quindi mi conceda di darle quelle risposte che il suo “collega” di partito ha omesso volutamente di darle.
E lo farò prendendo spunto da alcuni passaggi della lettera dell’Ass.re Civita.

“…..la Regione Lazio ha messo al centro dei propri programmi il miglioramento della qualità dei servizi di mobilità per garantire ai cittadini un sistema di trasporto efficiente e dignitoso. Eliminare sprechi, sovrapposizioni ed inefficienze sono le premesse per utilizzare al meglio le già scarse risorse pubbliche”….

Domanda, perché si continua a servire con i nostri pullman da e per Rieti la zona di Monterotondo, dove insistono già altri 2 collegamenti Co.tra.l via Salaria e via Nomentana più il collegamento FL1, dove ai collegamenti da e per Orte Poggio Mirteto e Fara Sabina si sono aggiunti 8 collegamenti da e per Cesano tutti transitanti parallelamente tra Monterotondo e Trastevere????

“….Sin dal nostro insediamento abbiamo iniziato ad ascoltare le esigenze dei comitati pendolari , delle associazioni dei consumatori e dei sindacati regionali del trasporto che ci hanno chiesto un netto cambio di passo nella gestione del Tpl. Tra i primissimi ad essere ricevuti ci fu proprio il comitato pendolari reatini che ci descrisse una situazione realmente drammatica: mezzi inadeguati, guasti frequenti, passeggeri lasciati per ore senza alcuna informazione e autobus che rimanevano incolonnati per ore sulla Salaria.La prima risposta fu quella dispostare immediatamente da alcuni depositi Cotral della Regione autobus meno usurati al deposito Cotral di Rieti per sostituire almeno parte dei più obsoleti, aspettando di poter espletare la gara per l’acquisto di nuovi autobus da destinare anche a Rieti….”

Giunsero 5/6 vetture esattamente nelle stesse condizioni di quelle obsolete presenti a Rieti (il parco macchine è vecchio ovunque!!!), con problemi di aria condizionata e con targhe poco leggibili, tanto che vennero elevate dalle forze dell’ordine multe proprio a causa di ciò e le suddette vetture vennero fermate in deposito in attesa di revisione!!!!! Quindi inutile e ulteriormente dannosa fu questa “mandrakata”, termine che dovrebbe essere caro al nostro assessore vista la sua “romanità” acquisita.

“…..Oggi, sai bene, quella gara è stata bandita ed entro il 2016 arriveranno i nuovi mezzi, acquistati con un contratto di global service (formula questa che ci permetterà di avere una manutenzione continua dei mezzi)….””.

Dal settembre del 2013 più volte ci è stata promessa la stessa cosa…siamo già oltre la metà del 2015 e parliamo di nuovi pullman ad inizio 2016….ed in questi 3 anni lei sà come abbiamo viaggiato?

“….Con questo sistema intermodale, abbiamo aumentato del 30% l’offerta di trasporto verso la Capitale…..”

Aumenta la numerosità dei collegamenti del 30% ma aumentano della stessa percentuale le corse i cui tempi di percorrenza aumentano rispetto alle analoghe corse dirette attualmente presenti nelle stesse fasce orarie…e abbiamo studi effettuati tramite le info di trenitalia e cotral,, monitoraggio effettuato negli ultimi 2 mesi..quando vuole possiamo produrglielo, perchè noi pendolari monitoriamo e presentiamo riscontri, a differenza dei vostri monitoraggi che non sono mai stati resi pubblici.

“La scelta dei giorni festivi è stata pensata proprio per poter gestire in maniera graduale il cambio delle abitudini di viaggio dei cittadini del Reatino, evitando di creare eventuali disagi ai pendolari. Prima di far partire la sperimentazione (e anche in queste settimane) abbiamo lavorato per determinare le condizioni infrastrutturali necessarie. Grazie alla collaborazione di Rete Ferroviaria Italiana, abbiamo ristrutturato i bagni, la sala d’aspetto e ritinteggiato l’intera struttura della stazione di Passo Corese.Per rendere l’intermodalità più comoda per i viaggiatori, con Cotral abbiamo creato una nuova fermata a 15 metri dal sottopasso della stazione, così da rendere agevole e veloce il passaggio dall’autobus al treno.
Infine, in collaborazione col Comune di Monte Libretti stiamo ristrutturando il nodo di scambio presente di fronte la stazione di Fara Sabina, per rendere anche quell’ area finalmente decorosa.”

In ogni paese civile ed industrializzato che lavoro per fornire infrastrutture al servizio pubblico dei trasporti, si partirebbe dal potenziamento delle infrastrutture (più binari e più linee, più corse riducendo riducendo l’intervallo di frequenza fra una corsa ed un’altra, treni a maggior capienza , quindi più posti e più vagoni, pullman nuovi ed efficienti, interscambio stazione treno- capolinea Co.tra.l a meno di 100 mt, e poi magari anche un restyling della stazione perché no, bagni, esterno, interno, magari con biglietteria o punto informazione presente ed attivo. Invece no, partiamo dai bagni, perché giustamente un interscambio per pendolari che viaggiano con i minuti contati per raggiungere le loro mete, magari usufruiscono dei bagni della stazione…ma di quelli a bordo dei treni? ne vogliamo parlare sempre chiusi maleodoranti e spesso inutilizzabili? E se bisogna avere info o fare biglietti Co.tra.l o Trenitalia, non si può fare in stazione se non con macchinette automatiche. Sulla FL1 non si può aumentare il numero di vagoni e quindi la capienza perchè lungo la linea suddetta non tutte le banchine delle stazioni ferroviarie transitate, sono idonee ad accogliere treni più lunghi, perché troppo corte quindi devono essere ampliate. La FL1 risente di molteplici perturbazioni di circolazione, causa anche del fatto che se la linea direttissima Orte – Roma Tiburtina presente criticità di circolazione, molti dei treni veloci (regionali veloci, IC in primis) vengono dirottati sulla FL1 e i ritardi non si contano più. Lo scambio a 15 mt avviene solo per le corse in arrivo da Rieti, non per quelle di ritorno, dove invece ci si deve recare nell’area del capolinea Co.tra.l posto ad oltre 200 mt dalla stazione…perché solo in andata e non al ritorno?’?

“……L’ipotesi che vogliamo discutere è così articolata: saranno mantenute tutte le corse Cotral previste nelle fasce orarie pendolari da e per Roma con nuovi collegamenti via autostrada Rieti-Roma e successivi collegamenti via autostrada Roma –Rieti. Nelle fasce non di punta il servizio diventerebbe intermodale con ben 26 collegamenti in più da e per la stazione di Passo Corese , tutti in coincidenza con treni originati da Fara Sabina, con ampia possibilità di soddisfare la domanda, consentendo di viaggiare fino a Roma Tiburtina (interconnessione con la Metro B). Inoltre, la linea FL1 raggiunge stazioni importanti quali Trastevere e Tuscolana (in corrispondenza con la Metro A ) consentendo quindi di entrare nel cuore della città in minor tempo……”

Non esistono fasce orarie pendolari non di punta, perché si dovrebbe a questo punto parlare di pendolari di serie A e pendolari di serie B!! Civita vuole ascoltarci? venga direttamente lui ai tavoli di discussione, perché noi ai suoi portaborse abbiamo più volte come si articola “il nostro pendolarismo”!!!! Si continua a non tener conto dei molti pendolari reatini e sabini che si dirigono a Roma Nord scendendo nelle fermate lungo il tratto urbano Settebagni – Ponte Salario (Prati fiscali), pendolari che con l’interscambio non potendo usufruire che della stazione di Settebagni e di Nomentana (perché Fidene e Nuovo Salario hanno le uscite dalla parte opposto della Salaria), vedono il loro tempo di viaggio aumentare ancora dovendo prendere un terso mezzo (Atac) per mantenere i tragitti precedenti (aumenti di circa 20/30 minuti già da noi rilevati che hanno indotto alcuni ad utilizzare la macchina durante la sperimentazione festiva)

“…….Non ci siamo però dimenticati delle legittime richieste dei Reatini (da te sempre sollecitate) di un collegamento ferroviario diretto e sin dallo scorso anno abbiamo potenziato la linea Rieti-Terni-Orte –Roma, con l’inserimento di una nuova coppia di treni e stiamo lavorando sugli orari di coincidenza dei treni da Rieti a Terni, per favorire nuovi collegamenti. Infine abbiamo chiesto a Trenitalia di ricercare, anche in collaborazione con la Regione Umbria, una tracci oraria che consenta di inserire un treno diretto serale da Roma a Rieti; verifica che è in corso….”

2 tracce? una soltanto..perchè quella che ad esempio permette con il treno in partenza da Roma alle 16.07 di prendere la coincidenza Terni-Rieti delle 17.10, era già attiva prima del 2012, hanno in cui venne tolta, per poi essere ripristinata nel 2013!!!! Quindi solo riattivata, non si tratta di aumento dell’offerta!!! E abbiamo chiesto si 2 coppie, sempre dal 2013 , ma 2 coppie dirette Rieti-Roma la mattina e 2 coppie dirette Roma-Rieti la sera.

“…….Rilanciare “la cura del ferro”, risanare e migliorare il trasporto pubblico per i pendolari sono le priorità del nostro lavoro e gli obiettivi contenuti nel nuovo Piano regionale della mobilità, che stiamo redigendo dopo una vasta consultazione sulle linee guida. Ogni cambiamento può comportare disagi ed eventuali errori. Per questo dobbiamo avere l’umiltà di ascoltare tutti, valutando ogni proposta nel merito, per superare rendite egoistiche o piccoli privilegi ed affrontare i problemi reali…….”

PERHE’ a RIETI?!?!?!?!?!? perchè non razionalizziamo, integriamo e sperimentiamo a Viterbo, 4 linee ferroviarie più il Cotral?? lì invece si forniscono treni vivalto nuovi a maggior capienza. On. Melilli, non potrà mai dare il suo supporto, come dice l’Ass. Civita, fino a quando non sosterrà i pendolari e la Sabina tutta, per riappropriarsi della proprio dignità e del sacrosanto diritto di aveere un sistema di trasporti efficiente, valido e sopratutto veloce, perchè oggi con l’integrazione per coprire la distanza Rieti-Roma (78 km) ci si impiegherebbe 1h e 45 minuti quando invece, senza intervento alcuno di potenziamento della linea Rieti-Terni-Roma, si impiegano via Terni 1h e 50 / 2 h per coprire 158 km!!!!!!!

Dov’è tutta questa miglioria ed efficienza? analizzi meglio le “performance” giornaliere sulla FL1!!!

Ossequi

Riccardo Catelli

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi