CATTANI NON “PUO’ DIRLO”, MA PER LA NPC SARA’ ANCORA SERIE A2!

Mag 18, 2020 | Altre Notizie | 0 commenti

RIETI – La NPC ripartirà dalla serie A2 o dalla serie B? “Entro il 15 Giugno dobbiamo comunicare il nostro volere alla Lega. La volontà mia e di tutto lo staff è quella di preservare il titolo sportivo in ogni modo. Resta fermo che le difficoltà, già notevoli prima dell’emergenza Covid19, potrebbero oggi rivelarsi insormontabili. Per questo ripartisco, realisticamente, le probabilità: al 50% in A2, al 50% con auto retrocessione in B”. Ma è realmente così? Le parole proferite dal patron Cattani corrispondono all’intimo, endogeno volere dello stesso? O, invece, si tratta di uno sfogo che, pur avendo solide ed ineludibili basi, sarà destinato a tramutarsi nel più classico dei nulla di fatto? Chi, come l’autore di questo scritto, conosce Giuseppe Cattani da “qualche” anno, è pronto a scommettere che, dei propositi di rinuncia più foschi, non se ne farà nulla e che la NPC sarà regolarmente ai nastri di partenza del prossimo campionato di serie A2. Chi (restando all’autobiografico) ha condiviso con il “patron” reatino (più semplicemente Peppe) gioie e dolori, momenti di esaltazione e di scoramento correlati anche a comuni, dolorose, commoventi vicende di vita, liti gratuite, talvolta pure furiose, subito sedate con abbracci affettuosi e risolutori come si conviene a persone viscerali ed umorali, però civili, vere, è ben consapevole che il basket è una parte costitutiva, essenziale, irrinunciabile, non un semplice corollario nell’esistenza di “Peppe”. Chi, non da ultimo, ha coniugato col patron del basket ore di allenamento in bici, fatte di semplici chiacchiere e profonde, intime riflessioni, “confessioni”, per la perfetta riuscita dell’ormai consueto “voto del presidente”, è ben consapevole che Cattani mai e poi mai rinuncerà al basket e, soprattutto, alla serie A2 o che, comunque, farà del proprio meglio per “ripartire da dove ci eravamo lasciati”. “Non so se gli sportivi ne hanno avuto sentore, ma in occasione della drammatica stagione ormai trascorsa, più precisamente intorno al mese di Pasqua, ho vissuto momenti di grande tensione e di profondo scoramento – afferma “Peppe” – Ciò non deve essere imputato ai giocatori con i quali, ad eccezione di uno soltanto, abbiamo raggiunto accordi economici di comune soddisfazione. Piuttosto, devo ringraziare alcuni procuratori dei quali mi preme fare i nomi: Lollo Vandoni, Federico Paci, Virginio Bernardi si sono dimostrati bravissime persone perché hanno compreso appieno le enormi difficoltà per l’emergenza virus. Non altrettanto posso dire per il procuratore di Zucca. Ciò senza nulla togliere al ragazzo che si è comportato benissimo e con il quale volevamo rinnovare, ma non alle condizioni originarie. Invece, mi spiace dirlo, il suo agente si sta dimostrando per quello che è realmente”. Ma allora, i momenti di grande tensione, a che cosa sono imputabili? “Ci sono stati grossi problemi con alcune delle nostre sponsorizzazioni – puntualizza Cattani – in parole più semplici, sono venute meno alcune importanti voci di entrata. Alcune tra queste sono state giustificate, ma altre no e per questo ci stiamo tutelando legalmente. Non voglio e non posso aggiungere altro. Tuttavia ed in ragione di ciò ho trascorso un periodo davvero buio, giusto a cavallo di Pasqua”. Quel che è certo, fin d’ora, è che il prossimo anno, si riparta dalla A2 come dalla B, non sarà “Zeus” il main sponsor della NPC. Ma sarà ancora serie A2? “Questa è la prima ipotesi e farò, faremo del tutto per preservare il titolo – asserisce il patron del basket reatino – ma dopo tutto ciò che è successo con il virus, non posso più consentirmi di adoperarmi per come ho fatto negli ultimi 5 anni. Devo prima pensare alla mia famiglia, alle mie aziende, ai miei lavoratori: poi viene il basket”. Giuseppe Cattani, per gli amici più semplicemente Peppe, è ancora una volta ottimista, “ma è nella mia natura!”. “In mancanza di introiti, dobbiamo pensare ad abbassare i costi di gestione – puntualizza Cattani – Il pullman NPC è pronto e questo ci consentirà un notevole risparmio rispetto alle pregresse stagioni. Lo useremo anche per le trasferte più lunghe. Non ho intenzione di utilizzare l’aereo e, così facendo, risparmierò ogni volta almeno 21 biglietti aerei per le partite in Sicilia o in Sardegna, se saremo in quel girone. Proporremo con gli albergatori che di volta in volta ospiteranno la nostra squadra, scambi alla pari in una sorta di do ut des (uno scambio di vitto e alloggio con “beni” di origine sabina, ndr). Fonte Cottorella ci fornirà l’acqua. Infine spero che la diatriba tra Aria Sport e la Provincia non pregiudichi l’utilizzo in uso gratuito del PalaSojourner. Dovremo verificare la permanenza delle vecchie sponsorizzazioni nonché l’ingresso delle nuove, con le quali stiamo trattando. Infine non conosciamo ancora i costi che saranno imposti dalla Fip, ma spero si riducano rispetto al passato”. Insomma, Giuseppe Cattani resterà al timone della NPC e, soprattutto, Rieti militerà ancora in serie A2? “Resta fermo ciò che ho già dichiarato – conclude “Peppe” – quel che mi rende fiducioso è anche la volontà della mia famiglia con moglie, figli e genitori, tutti che mi spingono e mi sollecitano ad andare ancora avanti”. Basta poco davvero che subito “Peppe” si esalta e torna a palesarsi tutta la sua “ atavica fame di basket”. “Sto pensando a come organizzare ed allestire il roster – si eccita il patron del basket – Servono 3 italiani da quintetto e due americani over the top. In proposito il ritardato avvio del torneo, causa Covid19, ci consentirà di attendere le selezioni dei più importanti tornei statunitensi. In panchina avremo due giocatori dello scorso anno e, poi, tre giovani”. (Valerio Pasquetti)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi