Cgil, Sul futuro delle ex aree industriali si gioca il futuro della città

Apr 3, 2022 | Economia | 0 commenti

Come CGIL abbiamo sempre sostenuto il tema della rigenerazione urbana e ne siamo stati con la categoria di riferimento anche tra i primi promotori. Riusare aree dismesse per ridargli nuova vita, procedere alle necessarie bonifiche e perseguire l’obiettivo di consumo di suolo zero, creare le condizioni perché aree in disuso della Città diventino occasione di sviluppo , pensiamo siano le direttrici che, una amministrazione dovrebbe perseguire con tenacia.

Rieti presenta diverse situazioni che meriterebbero attenzione maggiore a volte meno evidenti dello zuccherificio, ma altrettanto degne di interesse, non fosse altro per il fatto di trovarsi   nelle immediate vicinanze del centro città, ma è di tutta evidenza che mancando l’iniziativa dei proprietari delle aree diventa complicato intervenire, per cui è doveroso per tutti prendere in considerazione le richieste che arrivano, senza però distogliere attenzione al pubblico interesse che deve fare  da faro ad ogni buona amministrazione.

Certamente la vicenda dell’ex zuccherificio si trascina da troppi anni e non è la sola; e poter tornare a discutere del suo destino, su un  progetto di recupero  dell’immobile e dell’ampio spazio annesso, rappresenta una opportunità da sfruttare con oculatezza.

Come molti in città pensiamo che quel complesso che rappresenta un eccezionale esempio di archeologia industriale e che ha contribuito non poco all’uscita del territorio dalla condizione agricola a quella industriale, dovesse essere salvaguardato e potesse essere utilizzato diversamente, ma scelte e situazioni pregresse hanno determinato una situazione proprietaria che poco lascia alla fantasia e ci fa fare i conti con la realtà.

Tuttavia dalle informazioni che siamo riusciti a reperire qualche perplessità si presenta. Il vecchio progetto fu al centro  di un’ampia illustrazione da parte della Direzione Aziendale della Coop Centro Italia e, a nostro giudizio, coniugava bene interesse privato, con quello pubblico preoccupandosi anche  di salvaguardare il valore storico dell’edificio, mentre nel progetto attuale sembra che  molta di quell’attenzione sia sfumata.

Non ci risulta, inoltre,  ad oggi la quantificazione del dovuto ristoro a favore della città, che dovrebbe essere a nostro giudizio cospicuo ed interessare non solo immobili e una serie di infrastrutture a corredo del complesso commerciale riguardanti la mobilità dell’intera area, ma anche degli impegni che pongano l’attenzione sulle garanzie occupazionali e sulla possibilità di incrociare il progetto con le necessarie politiche attive, destinate ai lavoratori espulsi dal mercato del lavoro a causa della crisi industriale,  in un territorio senza grandi opportunità;  In conclusione riteniamo che la decisione se fare una variante al PRG a favore di un soggetto privato su un pezzo di storia della Città deve essere fatta coinvolgendo l’intera città nella discussione e non relegando ad una commissione e un consiglio comunale in scadenza questa responsabilità.

Auspichiamo che questa discussione si faccia al più presto, perche la decisone è importante e influenzerà  l’assetto urbanistico, economico e sociale cittadino per moltissimo tempo.

Per la Segreteria della CDLT CGIL DI RIETI ROMA EVA

Claudio Coltella

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi