CICCHETTI, LETTERA APERTA ALLA CITTA’ SULLE INDENNITA’

Giu 25, 2019 | Altre Notizie | 0 commenti

“La difesa d’ufficio che il deputato locale del PD ha affidato alle colonne di un giornale amico per sostenere i quattro consiglieri interessati alla vicenda delle indennità gonfiate non aggiunge nulla di nuovo a quanto già risaputo. Per gli ignari proviamo a ricapitolare.
Una dirigente si è accorta, per caso, che sono state pagate, per un certo periodo, indennità superiori al dovuto. Ha condotto un’accurata istruttoria che, a conclusione, ha rimesso al Sindaco il quale è responsabile, da quel momento, della riduzione del trattamento economico degli attuali amministratori e del recupero di quanto indebitamente pagato dal Comune. Il Sindaco, data la novità e la delicatezza della questione, ha avvertito Prefetto (Valter Crudo) e Corte dei Conti per avere pareri ed istruzioni. Ne ha ricevuti e si è adeguato. E’ stata ridotta l’indennità degli attuali amministratori e sono stati incaricati gli uffici di procedere al recupero nei confronti di tutti coloro che, in misura maggiore o minore, avevano percepito l’indebito.
Gli attuali amministratori del centrodestra e anche due ex del centrosinistra (Massimi e Mariantoni) hanno versato quanto richiesto. Quattro attuali consiglieri del centrosinistra hanno, invece, rifiutato di restituire e hanno ingaggiato una battaglia politico-giudiziaria in essere ormai da un anno. In Commissione, peraltro, fuori da ogni opportuna prudenza e con scarso buongusto, hanno accaloratamente sostenuto la loro personale posizione. Quasi che il problema del conflitto di interesse si ponesse in Italia solo per gli avversari della sinistra! Intanto il TAR si è dichiarato incompetente a decidere e la vicenda è stata riassunta davanti al Tribunale Civile di Rieti che avrà i suoi tempi, non certo brevi, per dirimere la questione. E nel frattempo la Prefettura ha sollecitato, per iscritto, l’apertura del procedimento di decadenza per i quattro inadempienti. Fin qui la storia. Ora le considerazioni.
Quanto altro tempo dovrebbe trascorrere, a giudizio del PD, perché il Sindaco possa applicare la legge senza essere accusato di frettolosità o, peggio – udite, udite! – di spirito vendicativo?
Si richiama con enfasi la democrazia, dimenticando che le leggi sull’incompatibilità sono state votate da un Parlamento democratico e vengono attuate sotto l’occhiuta sorveglianza del Ministero dell’Interno attraverso le Prefetture. E si sorvola sul fatto che a quattro consiglieri di minoranza, incompatibili, dovrebbero succederne altrettanti votati dai cittadini per rappresentare l’opposizione.
E’ decente, poi, il tentativo di bloccare il dibattito cittadino su un tema così avvilente, minacciando, senza mezzi termini, di inasprire il tono del confronto ove si proseguisse nell’applicazione di una legge dello Stato?
E gli amministratori, attuali ed ex, di destra e di sinistra, che hanno aderito alla richiesta del Comune dovrebbero apparire fessi al cospetto di quattro furbi riottosi?
In conclusione, da un anno si invoca un provvedimento legislativo che non arriva e che dovrebbe costituire una sorta di sanatoria nei confronti di una situazione emersa in tante altre zone d’Italia. Nel frattempo restano in piedi le lettere di sollecito della Prefettura e il cerino, a parere del PD, dovrebbe rimanere in mano ad un Sindaco distratto ed omissivo nei confronti dei propri doveri. Non è corretto pensarlo e non sarebbe giusto né dignitoso subirlo!”

Antonio Cicchetti, Sindaco di Rieti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi