COMUNE DI RIETI IMPEGNATO NELLA DIFESA DELLA SABINA UNIVERSITAS

Ott 23, 2017 | Altre Notizie | 0 commenti

Si è riunita oggi la commissione consiliare Cultura e Università per discutere sulle recenti problematiche della Sabina Universitas. Alla seduta ha preso parte, su invito della commissione, il presidente del Consorzio universitario, Maurizio Chiarinelli.

Nel corso del dibattito è scaturita una posizione comune e condivisa tra i vari schieramenti per il mantenimento dell’importante struttura universitaria.

Il presidente Chiarinelli ha riferito circa la gestione economica, evidenziando, ad esempio, come la situazione dei crediti sia assolutamente positiva rispetto a quella dei debiti. Le criticità, una volta trovata la soluzione per la posizione della Provincia, verranno meno anche grazie alla esigibilità di tali crediti vantati. Chiarinelli ha evidenziato, inoltre, come i costi per garantire la presenza di una sede distaccata siano in diminuzione, essendo passati da circa 800mila-1 milione di euro del passato a circa 400mila attuali.
Rispetto all’offerta formativa, ci troviamo di fronte a un’eccellenza, come riscontrato dal controllo operato dal Miur sulla qualità della didattica che posiziona la Sabina Universitas a un livello paragonabile, se non superiore, a quello della Sapienza di Roma.

Oltre la situazione attuale, si è discusso della prospettiva concreta che si vuole dare al Consorzio universitario. “Vogliamo concentrarci sulla gestione dell’immediato ma anche sul futuro – dichiara la presidente della commissione, Onorina Domeniconi – A questo proposito, è stata sottolineata, da parte dei consiglieri comunali presenti, la validità del corso di laurea in Scienza della montagna, nonché l’attivazione probabile del corso di Ingegneria sismica internazionale le cui lezioni verrebbero tenute in lingua inglese. Entrambe le realtà sono di nicchia e quindi più appetibili nel panorama nazionale ed europeo dell’offerta universitaria, garantendo una visibilità culturale della città”.

La commissione ha evidenziato come sia auspicabile anche un maggiore impegno da parte della Fondazione Varrone che già opera in maniera centrale per il sostegno economico della Sabina Universitas.

Una possibile prospettiva concreta di crescita per l’università reatina, come auspicato dal presidente Chiarinelli, può essere l’attività di ricerca, attraverso l’affidamento, da parte delle aziende locali, di progetti di sviluppo direttamente alla Sabina Universitas, in considerazione dell’alta valenza scientifica della struttura.
Tra le proposte emerse c’è, infine, quella della creazione di un futuro polo universitario che abbracci le città di Terni, Viterbo e Rieti, in modo da individuare una struttura diversa e autonoma rispetto all’assetto attuale.

“Come più volte manifestato in questa fase di criticità – conclude la consigliera comunale con delega all’Università, Letizia Rosati – e anche a seguito della convocazione dell’assemblea straordinaria del 27, sarà impegno dell’amministrazione comunale non solo attivarsi per rafforzare il polo universitario, ma anche cercare di costruire una configurazione futura che dia più autonomia nei confronti di altri atenei”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi