CONSIGLIO COMUNALE SU BILANCIO PREVENTIVO, L’INTERVENTO DEL CONSIGLIERE IMPERATORI

Apr 26, 2018 | Politica | 0 commenti

Colleghi consiglieri finalmente dopo aver votato in passato per il principio della continuità amministrativa i bilanci consuntivi del centro sinistra al governo della città nella passata consiliatura, è in ogni caso c’è da evidenziare, politicamente che l’attuale minoranza in consiglio comunale si è espressa recentemente votando contro o astenendosi al loro stesso bilancio consuntivo, non si presentano nella commissione controllo e garanzia e ai consigli comunali da loro convocati, che si svolgono solo grazie ai consiglieri di maggioranza, e poi come successo oggi si permettono di richiedere il numero legale, ben sapendo che le tre assenze odierne di alcuni consiglieri di maggioranza sono giustificate da motivi di salute e personali.

QUESTA È LA MINORANZA AL COMUNE DI RIETI!
ora ci apprestiamo a votare e consegnare agli annali il primo bilancio preventivo dell’era Cicchetti e il primo documento unico di programmazione 2018/2020.

Occorre tuttavia prima di addentrarci in qualche considerazione tecnico politica fare un po’ di storia, non per cercare delle giustificazioni ma per fare tesoro delle esperienze passate.
Nel 2012 il centro sinistra vincente alle elezioni, a causa soprattutto di spaccature all’interno del centro destra e non certo per la bontà delle sue idee e dei suoi programmi, denuncio una sorta di disastro economico in cui verteva l ‘Ente Comune DI Rieti. Aveva tutti i torti? Sicuramente no, la giunta Emili, così come gran parte dei comuni italiani di centro sinistra e di centro destra non aveva ancora compreso esattamente la crisi in cui ci trovavamo, e continuò nella politica degli investimenti, penso ad esempio all’accensione di molti mutui oppure aderì a prodotti finanziari a rischio, ma soprattutto cerco di aiutare chi aveva bisogno, esagerando sicuramente. tanto è vero, questo fatto, che addirittura la Cgil regionale dell’epoca, elogiò il Comune DI Rieti.
La giunta Petrangeli timorosa del forte debito accumulato, dai residui attivi di difficile esigibilità, inesperta seppure boriosa e dirigista preferì dichiarare il pre dissesto, concordando un piano di rientro lacrime e sangue e stoppando di fatto gli investimenti di diretta emanazione comunale.

Grazie al pre dissesto Il Comune di Rieti incassò negli anni, Ben 42 milioni di euro, la tassazione fu portata ai massimi livelli e gli investimenti come già detto non poterono e non possono essere fatti accedendo a dei mutui. La città subì un forte declino, non solo sugli investimenti ma anche sulla manutenzione ordinaria e non furono fatte opere ex novo se non per quanto riguarda i progetti plus diretta conseguenza delle idee e dei finanziamenti del centro destra che aveva governato in precedenza.
Infine Per chiudere questo riassunto di quello che è successo negli anni precedenti, ma ce ne sarebbe da dire a cominciare dagli asfalti elettorali, la giunta Petrangeli In campagna elettorale ribadì più volte che aveva risanato il bilancio e che ora ci sarebbe stato lo sviluppo della città.
Cari colleghi consiglieri, se non fosse una cosa tragica ci sarebbe da ridere.
Esaminando realmente i conti dell’amministrazione comunale si evince, e I numeri sono numeri, che l’amministrazione Petrangeli non ha risanato il bilancio, almeno per quanto sbandierato in pompa magna ai quattro venti,
ha effettuato manovre contabili sui generis,
Non ha programmato efficacemente il pagamento ai fornitori,
ha tirato per le lunghe procedimenti giudiziari, ha posticipato il pagamento delle parcelle ai professionisti
ha prodotto un gran numero di debiti fuori bilancio.

Tanto è vero che l’amministrazione attuale, dovrà immediatamente procedere, e lo sta già facendo,
a una corretta rimodulazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale
verificare l’impatto sul bilancio e la sua sostenibilità negli esercizi futuri,
ricostruire l’intera massa passiva con finalmente una chiara e separata indicazione dei debiti fuori bilancio.

Ditemi dove sta il vostro bilancio virtuoso, forse nei vs sogni o forse nella vs strategia di comunicazione elettorale, perchè nei numeri non c’ė.
Da evidenziare infine che se è vero che i conti in crisi lo sono per tutti sinistra e destra che sia, voi avete agito con fare ragionieristico, senza fantasia senza idee, richiudendovi dentro il palazzo, valga per tutti l’ultima idea dell’ assessore Masotti, che sfruttando il regolamento sull’installazione degli impianti tecnologici,ha ipotizzato e messo in campo le procedure per introitare importanti risorse non una tantum, ma ricorrenti. D’ altronde voi a tutt’oggi oggi non solo non sapete che esistono regolamenti sulle sponsorizzazioni e sull’uso commerciale del logo del Comune di Rieti, ma vi siete pure persi il nuovo regolamento già predisposto nel 2012 di igiene urbana.

Dicevamo dei numeri, il bilancio, nonostante l’impossibilità di accedere a dei mutui, e limitandoci al 2018, quindi verificabile entro i prossimi 8 mesi, prevede oltre 3,5 milioni di euro di opere riconducibili a opere stradali, 1.6 milioni per la difesa del suolo, da evidenziare ad esempio che la messa in sicurezza del fosso del cantaro permetterà finalmente di costruire in località ad ora edificabili solo sulla carta, da questo evidentemente usciranno nel tempo non solo risorse finanziarie per l’amministrazione, ma si sanerà un evidente vulnus con una parte dei contribuenti reatini.
Corposo il capitolo dell’edilizia sociale e scolastica soprattutto nel 2019 ma anche nel 2018 sono previsti importanti investimenti per non pochi milioni di euro.
Attenzione è posta sui beni culturali e sul teatro, nostro fiore all’occhiello, e non poteva essere altrimenti vista la presenza dell’assessore formichetti,

Ci sono interventi per l’impiantistica sportiva derivanti anche dal progetto rieti 2020 e sugli impianti del monte terminillo
Stiamo cercando di sburocratizzare anche l’annosa questione dell’ampliamento di tutti i cimiteri, laddove non servono fondi ma risolvere problematiche burocratiche, e dove voi non siete stati capaci di risolvere.
attenzione va posta sul Capitolo dei servizi sociali

Siete riusciti amici avversari del centro sinistra a distruggere quello di buono che era stato fatto in passato, perché se è vero che si spendeva troppo, è pur vero che le persone in difficoltà trovavano un sicuro punto di riferimento nell’amministrazionecomunale. forse anzichè rivoluzionare tutto, come avete fatto e i risultati sono sotto gli occhi di tutti, sarebbe bastato ridurre i costi, ma voi all’epoca con l’assessore marianantoni, appena eletti vi crogiolavate sull’urgenza di modificare il regolamento sulla cittadinanza onoraria inserendovi lo ius soli, anzichè pensare ai problemi della gente, d’altronde con lo ius soli onorario siete finiti sulle cronache nazionali, e questo è per voi quello che conta apparire..
Un po’ di numeri, il bilancio del comune di rieti in entrata e logicamente in uscita per il 2018 è comprensivo naturalmente di tutte le voci anche quelle per le partite di giro, dove tuttavia facciamo attenzione, occorrerà lavorare per abbassare le tariffe a carico dei cittadini. Il compito in questo caso spetta soprattutto all’assessore Valentini al quale chiedo coraggio e lungimiranza, Claudio noi, ne abbiamo parlato più volte, la politica non ci ha regalato nulla, anzi. Possiamo, senza scheletri nell’armadio, dire e fare in coscienza quello che vogliamo, mi aspetto da te dal sindaco e dalla giunta decisioni importanti sulla gestione dei rifiuti, non dovranno assere pseudo e retrograde associazioni ambientaliste e politici. Ne cavalcano l’onda populista a stoppare l’iter per un ciclo dei rifiuti moderno affidabile e all’altezza dei tempi, in modo da abbassare sensibilmente la tariffa ed immettere nel circuito economico cittadino importanti risors io per quello che potrò fare ti darò tutto il mio appoggio.

Continuando per dare un po’ di numeri, Ad esempio, A bilancio risultano oltre 7 milioni di euro per le politiche sociali e la famiglia,
10 milioni per il diritto allo studio
3 milioni per la valorizzazione dei beni e attività culturali
8 milioni per il diritto alla mobilità e trasporti
14 milioni per la tutela del territorio e l’ambiente
Queste poche cifre solo per fare dei numeri, infatti, l’erogazione dei servizi rappresenta il compito principale di un ente locale, e pur nelle difficoltà il comune di rieti intende non solo mantenerli ma aumentare la qualità dei servizi.
Riguardo al programma pluriennale, se da un lato possiamo dire che alcuni fondi sono certi, penso ad esempio ai fondi derivanti dal sisma e a quelli per il progetto rieti 2020, dall’altro molto dipenderà anche dalla bontà dei progetti presentati all’attenzione degli enti sovracomunali, mi diceva recentemente l’assessore ai lavori pubblici che abbiamo fondate speranze di finanziamento su molti di questi progetti, che visti anche dal punto di vista della capacità del personale dipendente, ne rappresentano anche la capacità lavorativa.

D’altronde, stante la decisione dell’amministrazione nell’erogazione dei servizi ai cittadini e anzi quella di aumentarne la qualità, e la difficoltà di investire attraverso gli strumenti finanziari diretti, dipendiamo, in gran parte da finanziamenti sovra comunali.
Il bilancio di previsione per il 2018 prevede 223 milioni di entrate e 219 milioni di uscite, con un avanzo ipotetico di cassa di 3 milioni, e a proposito dell’avanzo di cassa c’è politicamente da evidenziare che l’opposizione più volte ha dichiarato con enfasi che nel 2012 trovarono in cassa solo 16000 euro, mentre a loro dire ci avevano lasciato ben 3.7 milioni di euro. Tutto fumus illusionis,in quanto con una dettagliata relazione dei dirigenti e dei revisori dei conti la cifra di cassa corrente è pari a zero! In quanto la cifra di 3.786.582 è interamente gravata da pignoramenti e anticipazioni di tesoreria.
Per la parte corrente risultano congrue le previsioni di spesa e le entrate previste
Per gli investimenti risultano conformi le previsioni dei mezzi di copertura finanziaria, comprese le quantificazioni del fondo pluriennale vincolato al programma triennale dei lavori pubblici
Riguardo agli obiettivi di finanza pubblica, l’ente può conseguire nel piano triennale gli obiettivi, fermo restando il riaccertamento ordinario dei residui e il rendiconto del 2017

Il bilancio è una sorta di mare magnum lo si può vedere sotto vari aspetti ognuno vede per la propria parte politica quello che più gli fa piacere. questo è il primo bilancio programmatico della nuova amministrazione, stiamo cercando di provvedere ai bisogni dei cittadini, pur nelle difficoltà oggettive che tutti sappiamo, negli anni futuri, auspico e sono convinto che la giunta riesca a incrementare gli investimenti, i soli che possono ridare fiato alla nostra economia. Siamo alla presenza di un’ amministrazione che guarda avanti con idee e progetti innovativi, un amministrazione che è conscia dei problemi e sta con i piedi ben saldi a terra ma con gli occhi e La mente rivolti al futuro.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi