Detox dopo le feste, ma non basta una tisana per disintossicarci

Gen 12, 2021 | Altre Notizie | 0 commenti

Di Marco Staffiero

Si tratta di un anglicismo utilizzato in sostituzione del corrispettivo italiano depurazione, per indicare il meccanismo che consente al nostro corpo di liberarsi dalle impurità o tossine. Organismo stressato da tavole troppo abbondanti dei giorni di festa? Meglio rimettersi in forma con un’alimentazione equilibrata, con poche calorie a base di alimenti vegetali, da seguire per due settimane. Attenzione però, non basta una tisana. A pensarla così è la ricercatrice del Crea Alimenti e nutrizione, Stefania Ruggeri che scende in campo con una serie di piccole regole che partono dal carrello della spesa per arrivare alla tavola. “Le diete detox tanto pubblicizzate non hanno efficacia per depurare il nostro organismo”, spiega Ruggeri, bocciando i digiuni prolungati solo ad acqua che risultano dannosissimi per la salute. Detossificare, secondo la nutrizionista, è una cosa complessa e lunga. “Bere anche 1 litro di tisana non basterebbe a ripulire tutto l’organismo – spiega Ruggeri – come anche saltare la cena per alleggerire le calorie dopo un pranzo troppo abbondante e qualche senso di colpa”. No quindi alle diete dell’uva o dell’acqua e limone, meglio invece scegliere prodotti sani, biologici certificati che riducono l’assunzione di fitofarmaci e pesticidi, come anche controllare sempre la provenienza. Regole confermate, secondo la nutrizionista da uno studio condotto su un campione di donne sottoposte ad un’alimentazione di circa 1200 calorie a base di verdura, frutta fresca e secca, cereali integrali, poco caffè e niente alcol; dopo 14 giorni si sono ridotti i livelli di alcuni metalli pesanti con vantaggi anche sul peso corporeo. Quanti e quali tipi di tossine esistono? Due tipi: endogene ed esogene. Le tossine endogene vengono quotidianamente prodotte dall’organismo in conseguenza alla trasformazione e/o distruzione delle sostanze che entrano a far parte dei vari processi metabolici. È per questo motivo che si tratta di un processo che avviene normalmente al nostro interno ed il corpo è ovviamente in grado di smaltire tali sostanze di scarto. Le tossine esogene, invece, sono causate da vari fattori, fra cui: alimentazione scorretta, inquinamento, farmaci, fumo, alcool, stress. Queste tossine si aggiungono a quelle prodotte in situazioni normali e si ha dunque un affaticamento dell’organismo. Per capire meglio il concetto di esogeno-endogeno prendiamo in esempio i radicali liberi. Essi vengono generati sia dalle reazioni che il nostro corpo mette in atto per produrre energia, nello specifico quelle che utilizzano l’ossigeno, sia dalla metabolizzazione di sostanze tossiche quali fumo e farmaci. Nel primo caso i radicali potremmo classificarli come tossine endogene, nel secondo come esogene.   “Il vero detox – conclude Ruggeri – è la dieta ad alto contenuto di alimenti vegetali privi di grassi saturi, zuccheri semplici, alcol e a basso contenuto di calorie, senza aggiunte di pozioni magiche”. Il segreto, conclude, “sta nella medicina ayurvedica: lasciate un terzo del vostro stomaco vuoto ad ogni pasto, con meno quantità di cibo i nostri organi non si affaticheranno e non si intossicheranno”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi