Altre Notizie

FC Rieti, ore calde per la panchina: col Potenza ultima chance per mister Mariani

di Gianmarco Santoprete

Sono ore delicate queste in casa Rieti, la netta sconfitta per 6 a 1 ha incrinato ulteriormente la fiducia nell’operato di Mariani che finora non ha ottenuto punti e di conseguenza il Rieti staziona all’ultimo posto del proprio girone, che a fine campionato equivarrebbe alla serie D senza passare per i play-out. È giunto quindi il momento di correre ai ripari e la società si sta guardando intorno, tanti i nomi fatti finora, dal sogno del ritorno di Capuano fino a nomi comunque di prestigio come Campilongo, Pochesci e addirittura Grassadonia. Come sempre in questi frangenti i nomi sono tanti ed altisonanti ma bisogna anche fare i conti con la realtà e deve esserci anche la consapevolezza che questa rosa è inferiore allo scorso anno ed è proprio questo il motivo che ci ha costretti a malincuore a lasciar andare mister Capuano che sarebbe rimasto solo con una rosa davvero competitiva per una salvezza agevole ed anche qualcosa di più, cosa che ad oggi il Rieti non ha e non certo per colpa di una proprietà che sta facendo i salti mortali per cercare di far avvicinare ulteriormente la nostra città al calcio. Tra i vari nomi spuntati in queste ore, per un eventuale successore di Mariani, c’è anche quello di Agenore Maurizi. Il tecnico romano con importanti esperienze con Cavese, Paganese,Reggina e Teramo ( con cui ha ancora un contratto in essere ), si è mostrato disponibile a discutere del progetto del Rieti, che già ha visto giocare da spettatore all’esordio stagionale contro la Ternana. Ora quindi testa al Potenza che diventa un crocevia importante per tutti, per il mister e soprattutto per la stagione del Rieti stesso che ha assolutamente bisogno di cominciare a fare punti.

Potrebbe interessarti anche