Cronaca

FIM CISL, IL 30 SETTEMBRE A PALAZZO CHIGI

La Fim Cisl insieme a centinaia di delegati, lavoratori, cassaintegrati, delle aziende in crisi
dell’industria metalmeccanica del Paese saranno presenti il prossimo 30 settembre con un
grande presidio sotto Palazzo Chigi a Roma, per suonare la sveglia alla politica e al Governo.

Una mobilitazione necessaria perché, se da una parte apprezziamo l’impegno dei Ministeri
dello Sviluppo Economico e del Lavoro nella gestione delle singole vertenze, dall’altra è
necessario che politica, parlamento e il governo, affrontino una volta per tutte i veri nodi
competitivi (infrastrutture e costo dell’energia, costo del denaro e credito, giustizia e regole
certe, ecc.) che sono all’origine delle più importanti crisi del paese.
A questo si aggiungono poi gli ammortizzatori in scadenza per migliaia lavoratori e che
rischiano di diventare l’emergenza sull’emergenza.
Per questo bisogna agire, è ora che Governo e Parlamento comincino a dire quale politica
industriale intendono promuovere per l’Italia, senza perdere altro tempo prezioso.

Il segretario generale della Fim Farina commentando l’iniziativa dice: “porteremo la crisi
dell’industria sotto i Palazzi, perché se non si agisce subito rischiamo di perdere un
patrimonio enorme della nostra industria metalmeccanica italiana fatta di: competenze,
eccellenze e saperi e non ce lo possiamo permettere ”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*