GERBINO SULL’INDAGINE DEL CASO CASAPENTA

Nov 6, 2015 | Altre Notizie | 0 commenti

di Luigi Gerbino

In relazione all’indagine avviata su Casa Penta dalla Procura della Repubblica di Rieti in base alla quale risultano indagati i Presidenti dell’ASM Rieti dal 2002 ad oggi, mi preme precisare quanto segue, avendo svolto il ruolo di Presidente della predetta Azienda dal 2002 al 2012.

Il sito di Casa Penta è stato interessato per tante volte da indagini ambientali ed ogni volta si è dimostrata la bontà delle autorizzazioni; mai si è giunti ad un provvedimento cautelare di tale portata e dannosità per la città oltre che per l’azienda, quale è il sequestro in corso.

In effetti la misura adottata appare non soltanto sproporzionata ma anche inopportuna ed è stata determinata, a mio avviso, da un’evidente incapacità dell’attuale guida dell’azienda nel relazionare, spiegare e documentare agli inquirenti, nel corso delle indagini negli ultimi mesi svolte, la assoluta rispondenza alle norme vigenti delle autorizzazioni del sito di Casa Penta.

Casa Penta si compone di tre spazi distinti aventi ciascuno una propria autorizzazione:
1. Un primo sito con autorizzazione per il centro di raccolta comunale, rilasciata dal Comune di Rieti ai sensi del DM 84/2008 che, su apposita cartografia, individua spazi e modalità di deposito dei rifiuti conferiti e ritenuta corretta dall’ARPA come da verifica recente e riportata nei verbali dell’Ente .
2. Un secondo sito con autorizzazione alla messa in riserva dei rifiuti rilasciata con procedura semplificata dalla Provincia di Rieti ai sensi di legge, corredata da cartografia che individua gli spazi destinati a tale attività e modalità di deposito dei rifiuti. Anche questa ritenuta corretta dall’ARPA come in atti della Procura.
3. Un terzo sito con relativa autorizzazione relativa alle presse di carico dei camion (trasferenza) rilasciata nel 1999 dalla Provincia di Rieti secondo la norma regionale vigente all’epoca, sulla base della relazione peritale del progettista che certificava la non assoggettabilità dell’opera alla procedura di Valutazione Impatto Ambientale. Quest’ultima – e solo quest’ultima – ritenuta non rispondente alle norme secondo ARPA, sulla scorta delle relazioni e documentazioni prodotte da ASM.

Va da sé che per quanto attiene ai siti relativi alle prime due autorizzazioni, questi non fossero da sequestrare.

Quanto alla terza, la cui relativa documentazione unitamente alla relazione esplicativa era stata in più occasioni (nel corso di precedenti indagini svolte nel corso del mio decennale mandato da Presidente) prodotta ed esaminata dalla Forestale e dal Nucleo Ecologico della Finanza supportato da ASL e da ARPA, che nessun rilievo avevano mosso, oggi viene messa in discussione tanto da portare al sequestro dell’intera area.

Devo necessariamente ritenere che i chiarimenti richiesti nei mesi scorsi ad ASM e la relazione tecnica prodotta da chi negli ultimi mesi ha gestito l’Azienda, non siano stati idonei a chiarire i rilievi mossi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi