“In tema di rigenerazione urbana i gruppi consiliari di opposizione alla giunta Cicchetti cercano un qualche colpo ad effetto aggredendo la delibera di Consiglio comunale n. 100 del 30/12/2019, con la quale l’Amministrazione comunale ha inteso dare attuazione all’art. 3 della legge regionale n. 7 del 2017. Sul punto il teorema accusatorio della sinistra locale poggia sul contrasto tra il provvedimento licenziato dal Consiglio comunale e le linee guida regionali per l’attuazione della richiamata legge regionale sulla Rigenerazione urbana. In realtà tale provvedimento della Regione Lazio è stata pubblicato soltanto in data 14/1/2020 e quindi in epoca successiva a quella cui risale la precedente deliberazione dell’Amministrazione comunale. Pertanto, a meno che non si pretenda il dono della chiaroveggenza in capo a chi è chiamato a redigere gli atti amministrativi, non vi è modo di imputare alcunch[ a chi, nel rivestire funzioni prevalentemente tecniche, non aveva di certo la facoltà di adeguare il contenuto della delibera sulla rigenerazione urbana al tenore della successiva determinazione regionale che ad essa delibera è cronologicamente sopravvenuta. Appare poi a dir poco risibile il tentativo dell’opposizione di figurare alla stregua del primo della classe facendo leva sull’emendamento alla delibera n. 100 del 30/12/2019, a firma del Consigliere Ludovisi. Tale proposta di modifica, infatti, al pari della Delibera desiderosa di emendare, nel fare riferimento alle sottozone urbanistiche quali ambiti ove dare applicazione all’art. 3 della legge regionale n. 7/2017, confligge con le Linee guida emanate dalla Regione Lazio e quindi soffre dello stesso male lamentato a gran voce dai nostri oppositori di professione. Per non parlare del contenuto dell’emendamento votato dall’opposizione, nel quale si ipotizza l’abnorme estromissione delle aree ex industriali reatine dal campo di applicazione di una legge regionale che inquadra soprattutto nelle aree produttive dismesse i luoghi in cui azionare ogni strumento utile per la rigenerazione urbana, dato lo stato di evidente e di maggiore degrado in cui versano i siti un tempo occupati dagli impianti industriali. Per la sinistra di casa nostra, dunque, non vi è gloria da inseguire o lezioni da impartire in tema di contenuti e di tecnica di redazione dei provvedimenti di attuazione della legge sulla rigenerazione urbana. In ogni caso, al di là del modo in cui si raccoglieranno le indicazioni fornite dalle Linee guida dettate dalla richiamata Determinazione regionale, aspetto, quest’ultimo, squisitamente tecnico, sul quale ogni polemica politica è puramente strumentale, mentre in proposito è già in atto un confronto tra uffici comunali e regionali resta ferma la volontà politica dell’Amministrazione comunale di dare il massimo impulso alla rigenerazione urbana e di estendere all’intero territorio cittadino ed alle sacche di degrado che ovunque vi si annidano, la facoltà dei cittadini di riqualificare il proprio fabbricato, ampliandone la superficie e mutandone la destinazione e la sede originaria. Ne è prova, del resto, l’altra Delibera consiliare approvata dall’Amministrazione comunale in tema di rigenerazione urbana, la quale, nel dare applicazione all’art. 5 della legge regionale n. 7 della legge n. 7/2017, promuove la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico degli edifici, abbinando anche a tali interventi la possibilità di estendere la superficie e di variare la collocazione originaria del fabbricato. Sul punto, tuttavia, la sinistra locale tace e vorrebbe affogare nella polemica una questione cui è legata una speranza di rilancio del nostro territorio. Noi preferiamo dedicarci ai fatti concreti, poiché anche in tema di rigenerazione urbana è tempo di agire e l’azione è la scelta che l’Amministrazione predilige per servire al meglio una città che ha voglia e bisogno di rinascere”. E’ quanto dichiara l’assessore all’urbanistica del Comune di Rieti, Antonio Emili, in merito alle polemiche sulla delibera relativa alla Rigenerazione urbana

Gen 23, 2020 | Altre Notizie | 0 commenti

“In tema di rigenerazione urbana i gruppi consiliari di opposizione alla giunta Cicchetti cercano un qualche colpo ad effetto aggredendo la delibera di Consiglio comunale n. 100 del 30/12/2019, con la quale l’Amministrazione comunale ha inteso dare attuazione all’art. 3 della legge regionale n. 7 del 2017. Sul punto il teorema accusatorio della sinistra locale poggia sul contrasto tra il provvedimento licenziato dal Consiglio comunale e le linee guida regionali per l’attuazione della richiamata legge regionale sulla Rigenerazione urbana. In realtà tale provvedimento della Regione Lazio è stata pubblicato soltanto in data 14/1/2020 e quindi in epoca successiva a quella cui risale la precedente deliberazione dell’Amministrazione comunale. Pertanto, a meno che non si pretenda il dono della chiaroveggenza in capo a chi è chiamato a redigere gli atti amministrativi, non vi è modo di imputare alcunch[ a chi, nel rivestire funzioni prevalentemente tecniche, non aveva di certo la facoltà di adeguare il contenuto della delibera sulla rigenerazione urbana al tenore della successiva determinazione regionale che ad essa delibera è cronologicamente sopravvenuta.
Appare poi a dir poco risibile il tentativo dell’opposizione di figurare alla stregua del primo della classe facendo leva sull’emendamento alla delibera n. 100 del 30/12/2019, a firma del Consigliere Ludovisi. Tale proposta di modifica, infatti, al pari della Delibera desiderosa di emendare, nel fare riferimento alle sottozone urbanistiche quali ambiti ove dare applicazione all’art. 3 della legge regionale n. 7/2017, confligge con le Linee guida emanate dalla Regione Lazio e quindi soffre dello stesso male lamentato a gran voce dai nostri oppositori di professione. Per non parlare del contenuto dell’emendamento votato dall’opposizione, nel quale si ipotizza l’abnorme estromissione delle aree ex industriali reatine dal campo di applicazione di una legge regionale che inquadra soprattutto nelle aree produttive dismesse i luoghi in cui azionare ogni strumento utile per la rigenerazione urbana, dato lo stato di evidente e di maggiore degrado in cui versano i siti un tempo occupati dagli impianti industriali.
Per la sinistra di casa nostra, dunque, non vi è gloria da inseguire o lezioni da impartire in tema di contenuti e di tecnica di redazione dei provvedimenti di attuazione della legge sulla rigenerazione urbana. In ogni caso, al di là del modo in cui si raccoglieranno le indicazioni fornite dalle Linee guida dettate dalla richiamata Determinazione regionale, aspetto, quest’ultimo, squisitamente tecnico, sul quale ogni polemica politica è puramente strumentale, mentre in proposito è già in atto un confronto tra uffici comunali e regionali resta ferma la volontà politica dell’Amministrazione comunale di dare il massimo impulso alla rigenerazione urbana e di estendere all’intero territorio cittadino ed alle sacche di degrado che ovunque vi si annidano, la facoltà dei cittadini di riqualificare il proprio fabbricato, ampliandone la superficie e mutandone la destinazione e la sede originaria. Ne è prova, del resto, l’altra Delibera consiliare approvata dall’Amministrazione comunale in tema di rigenerazione urbana, la quale, nel dare applicazione all’art. 5 della legge regionale n. 7 della legge n. 7/2017, promuove la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico degli edifici, abbinando anche a tali interventi la possibilità di estendere la superficie e di variare la collocazione originaria del fabbricato. Sul punto, tuttavia, la sinistra locale tace e vorrebbe affogare nella polemica una questione cui è legata una speranza di rilancio del nostro territorio. Noi preferiamo dedicarci ai fatti concreti, poiché anche in tema di rigenerazione urbana è tempo di agire e l’azione è la scelta che l’Amministrazione predilige per servire al meglio una città che ha voglia e bisogno di rinascere”.
E’ quanto dichiara l’assessore all’urbanistica del Comune di Rieti, Antonio Emili, in merito alle polemiche sulla delibera relativa alla Rigenerazione urbana.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi