LA NPC PUBBLICA IL “SUO” TARIFFARIO: LA SEBASTIANI DOVRA’ SBORSARE 1700 EURO PER LA DISPUTA DI OGNI GARA DI CAMPIONATO AL PALASOJOURNER

Nov 27, 2020 | Altre Notizie

RIETI – Amicitia quae desinere potest vera numquam fuit. Lo scriveva San Girolamo, nelle sue Epistole: l’amicizia che poté cessare non fu mai vera amicizia. Così vien da credere che, in considerazione di tutto quanto sta accadendo per l’utilizzo e la fruizione del PalaSojourner, il vincolo affettivo millantato (a questo punto è cosi) da e tra Giuseppe Cattani – patron della Npc – con Roberto Pietropaoli (e viceversa) – dominus della Real Sebastiani, non fu mai vero, né autentico. Ricordando Cicerone: “Amicorum esse communia omnia”. Tutte le cose tra amici devono essere comuni. Invece chi, oggi, detiene l’uso della gloriosa arena di Villa Reatina – la società NPC – con il tariffario notificato alla Sebastiani impone 1700 euro di locazione per la disputa di una sola gara di campionato della “odiata” Real, quasi a voler significare: “il pallone adesso è mio e si gioca alle mie regole”. O, diversamente, non si gioca. O, piuttosto, si gioca, ma altrove. In barba all’amicizia “che non fu”. In barba al principio di “comunione” caro a Cicerone. Il tariffario stilato e reso noto dalla NPC parla chiaro. Senza che la Provincia di Rieti, ente proprietario di un bene pubblico tanto caro e prezioso per la collettività cittadina e garante della comunità, abbia posto al concessionario vincolo alcuno. Men che meno in caso di sub affitto, allorché ha ceduto, con un bando di gara dai parametri quanto meno opinabili (nessuna società, nel territorio, vanta una squadra di basket in carrozzina come, pure, una formazione femminile di serie B ad eccezione della NPC) la gestione del PalaSojourner. Per le partite di basket (di basket, si noti bene) in campionati o tornei federali senior servono 1700 euro con l’impianto che – questo va sottolineato – viene concesso per l’intera giornata dell’incontro. Sempre per partite di basket, però amichevoli, aperte al pubblico occorre scucire 800 euro per un massimo di 4 ore complessive di utilizzo, con l’eccedenza a tariffa oraria conteggiata nell’importo di ulteriori 250 euro l’ora. E così via. Stride che, per partite di campionato di altri sport (la pallavolo, per esempio) il costo sia di soli 350 euro, con la specificazione che l’impianto s’intende concesso per il tempo della partita nonché per le operazioni strettamente necessarie prima e dopo la gara. Costi certamente legittimi, ponderati, stimati, valutati, ma che nessuna società sportiva, in loco, potrà accollarsi, soprattutto in ragione della pesante congiuntura economica. Doveva essere la Provincia, ente proprietario e concedente il PalaSojourner, a porre vincoli, a creare limiti, a calmierare i prezzi. Non è stato fatto! E allora se il “fu” amico Pietropaoli avesse chiesto l’utilizzo del PalaSojourner per la disputa di una gara del “defunto” Real Rieti (Futsal) avrebbe sborsato 350 euro, ma adesso che ne sollecita l’utilizzo per il basket il costo è praticamente quintuplicato: 1700 euro! E’ congruo? Non lo è? Chi può dirlo? La NPC avrà le proprie ragioni per applicare queste tariffe. D’altronde oggi e per almeno un anno il PalaSojourner “gli appartiene”, è il “suo”, ne ha la gestione ed è la NPC che – piaccia o non piaccia – detta le regole. Tuttavia non può sfuggire a chi sia estraneo a tale, fraternicida disputa e, soprattutto, a chi osservi i fatti con la diligenza del buon padre di famiglia che la cifra richiesta (1700 euro per un solo giorno di locazione del PalaSojourner) appare esorbitante, ridondante, esagerata, fuori da ogni regola. Con l’aggravante che la Real Sebastiani, al pari della NPC, non potrà mai godere – causa covid – degli incassi derivanti dalla presenza del pubblico al fine di ammortizzare le spese di gestione. Qual è, poi, il corrispettivo che la NPC eroga alla Provincia per un anno di concessione del PalaSojourner? 20 mila euro o giù di lì. La Sebastiani necessiterebbe del PalaSojourner per la disputa di 11 gare casalinghe che, moltiplicato per 1700, fa esattamente 18.700 euro! Oggettivamente serve riconoscere che il PalaSojourner ha costi di gestione molto elevati: l’impianto di riscaldamento in specie, l’energia elettrica, l’acqua, la pulizia. Tuttavia i 1700 euro richiesti sembrano realmente una cifra esagerata, inaccettabile e che costringerà la Real Sebastiani a migrare altrove. Mariano Calisse, il Presidente della Provincia, interpellato al riguardo, manifesta ottimismo e predica calma. “Sono convinto che, alla fine, Cattani e Pietropaoli troveranno un accordo – dice Calisse – gli sportivi devono restare tranquilli perché sarà così”. Buon per Calisse, però, che il match della Sebastiani con Pozzuoli sia stato rinviato a data da destinarsi causa covid perché, in caso contrario, domenica dove avrebbe giocato il neonato club amaranto celeste? Nel frattempo la disputa va avanti senza che sia dato vedere la luce in fondo al tunnel. I reatini veri – e sia Cattani che Pietropaoli lo sono -, i tifosi veri, non quelli accecati dall’odio, non quelli avvezzi a riversare gratuitamente fiele sui social, non i leoni da tastiera, bensì coloro che amano per davvero lo sport e la pallacanestro non possono che auspicare quanto prima la pace. Perché un uomo che pratica e che vive lo sport è un uomo combattivo, agonista, leale ma, al termine della contesa, non manca di tendere la mano al rivale e, ove serva, persino lo aiuta a rialzarsi dopo la sconfitta. Chi ama lo sport, chi ama il basket, chi ha trascorso anni, lustri o decenni sulle tribune del PalaSojourner constata, con amarezza, che quella casa, la gloriosa arena di Villa Reatina, patrimonio storico, sportivo e morale di un’intera città è oggi oggetto di una sanguinosa, fratricida disputa. Rammenti, Giuseppe Cattani, una volta giocatore di basket e, dal 2012 ormai, dominus assoluto e sovrano incontrastato della palla a spicchi di questa terra, per la quale molto e bene ha fatto in quasi due lustri di gestione che il PalaSojourner non è di uno solo, ma è di tutti, appartiene alla Rieti dei canestri. E che ogni squadra della terra Sabina, sopra a tutte la NPC che da anni rappresenta meritoriamente i colori amaranto celesti, al pari della Sebastiani che, con legittime, testimoniate ambizioni milita in un torneo nazionale, vanta il sacrosanto, naturale diritto di disputarvi le proprie partite. Pagando, certamente, ma a condizioni eque. Perché anche Roberto Pietropaoli è reatino, come Giuseppe Cattani. Perché anche la Sebastiani – un nome che soltanto a pronunziarlo vengono i brividi per l’emozione – è una società cestistica di questa città, come la NPC. Perché il PalaSojourner appartiene a Cattani come a Pietropaoli; perché il PalaSojourner è della città di Rieti. Perché il PalaSojourner è di tutti noi e non di uno soltanto. (Valerio Pasquetti)

0 commenti

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi