La Rieti dei canestri esulta per la resuscitata Npc e per il sesto successo della Sebastiani

Gen 11, 2021 | Basket | 0 commenti

RIETI – La Npc risorge e sconfigge fuori da ogni pronostico Scafati. Il successo amarantoceleste è più che meritato. Priva di due giocatori da quintetto – Tommasini e Amici – la compagine reatina esibisce una partita bella e tosta, tutto grinta, cuore e anima. La Givova, probabilmente, sottovaluta l’avversario e, soprattutto, viene inghiottita dalla fame di successo della Npc, ben disposta a lasciarsi alle spalle critiche ed infortuni. Npc è artefice di una prestazione da incorniciare. Pensare che, in avvio, a confrontare i due organici – stanti le celebrate defezioni della Npc – pochi o forse nessuno avrebbe scommesso un soldo bucato sul successo degli uomini di Ale Rossi. L’abbrivio amarantoceleste è subito confortante. Rieti gioca finalmente anche bene e chiude il primo parziale con addirittura 8 punti di margine, dopo essere stata avanti di 10. Finelli catechizza i suoi e, alla ripresa delle ostilità, è tutta un’altra musica. Scafati è intensa, aggressiva, fa sentire il peso come il valore dei suoi effettivi. La Npc sbanda, accusa il colpo, subendo un parziale di 15 – 28. A fare la differenza, in questo frangente, sono le cosiddette seconde linee campane. Finelli può giovarsi di almeno due atleti – Musso e Cucci – che giocherebbero titolari in ognidove in serie A2. La Npc replica con due giovanotti – Fumagalli e, specialmente, Ponziani – che contribuiscono in maniera determinante al successo amarantoceleste. Ponziani dimostra – nel frangente – di poter giocare in questa lega: finalmente! Riziero disputa una partita che è tutto cuore, testa e muscoli. Segna (11 punti con un eloquente 5 su 6 da due), cattura rimbalzi (7), difende duro sui pari ruolo campani. Fumagalli dà il proprio contributo in difesa. La Npc ha il merito di crederci sempre, anche quando Scafati strappa per andarsene, cumulando 8 punti di margine. Sanguinetti è pressoché perfetto con 18 punti, un solo errore al tiro, 3 recuperi, 5 assist, 25 come valutazione globale. Taylor cade nei soliti, banali errori allorché s’intestardisce nell’1 contro 1, però il suo lo fa: eccome se lo fa! La sua spalla – si fa per dire – Quirino De Laurentiis, è uno di quei giocatori che “innamorano” per qualità, quantità e sostanza. Negli ultimi, decisivi minuti, la difesa di DL su Thomas è da manuale del basket. Al pari dei suoi compagni, per dirla tutta. Che mordono, senza lasciarsi intimorire dalla presunta superiorità della Givova. Scafati capitola al cospetto della “cenerentola-Rieti” per le incredibili giocate al contrario di quello che, alla vigilia del match, era considerato il bau-bau della Npc – lo statunitense Thomas – il quale, viceversa, si trasforma in una sorta di prezioso, involontario alleato del successo reatino. Thomas, mai dentro la partita e assai ben contenuto da DL e Taylor, commette quarto e quinto fallo in un amen. Frustrato, lancia la palla sugli spalti e rimedia pure un tecnico. È l’apoteosi Npc. Sul pressing e presunto, immediato fallo sistematico di Scafati, Rossi si gioca nuovamente la carta-Pepper che riceve palla, subisce fallo ma, incredibilmente, sbaglia entrambe i personali. Segnarne uno solo sarebbe sufficiente per creare un gap di 4 punti e portarla a casa. Non è così. Pepper torna in panca dove è bene che rimanga stante l’inconsistenza e la pochezza della sua performance che fa il paio – ahinoi, spiace constatarlo – con tutte le precedenti di questo torneo. Dall’altra parte Musso non si lascia pregare e impatta dall’arco. C’è aria di supplementari. La Npc vuole la vittoria ad ogni costo e la ottiene grazie alla caparbietà, alla freddezza e precisione di Stefanelli come di Sanguinetti. È l’apoteosi-Npc che, finalmente, torna al successo. Lo fa nel momento più difficile, contro l’avversario più ostico. Bravi! Bravissimi! Tutti, in casa Npc, meritano un elogio. Tutti, ma non Dalton Pepper il quale, davvero, lascia vieppiu basiti per la pochezza delle sue prestazioni. Pepper va sostituito quanto prima ché, stante la oggettiva mediocrità di questo torneo la Npc, con un buon americano, certamente porterà a casa la salvezza. Proseguire con Pepper, con questo Pepper, è un’alea che il sodalizio reatino non può permettersi. E se la Npc brinda alla vittoria ritrovata, la Real Sebastiani prosegue nel proprio percorso netto, aggiudicandosi il sesto successo consecutivo stagionale. A Roma, contro la Luiss, sabato sera, i ragazzi di Alex Righetti soffrono forse oltre il lecito per avere ragione degli universitari. La Luiss si regala 20 – 25 minuti di una buona pallacanestro, soprattutto sfoderando una difesa intensa, mettendo le mani addosso, replicando canestro su canestro ai più competitivi avversari e così la Luiss tiene brillantemente botta. Specialmente con Infante che domina il pitturato segnando e catturando rimbalzi. Infante, come da previsioni, crea ambasce con la sua mole e la sua esperienza al giovane Di Pizzo che, per lunghi tratti del match, va in bambola. Infante, secondo pronostico, è ben supportato da Sanna e la Luiss c’è. Ovviamente ed alla lunga, vengono fuori il maggior tasso tecnico e la profondità della panchina reatina. Infante, inevitabilmente, via, via si spegne. Drigo spara da tre senza fallire un colpo. Traini, avviato verso la migliore condizione, mette bene in chiaro che cosa significhi la parola:  “playmaker” perché fa girare i suoi compagni come un orologio, segnando e catturando persino tanti rimbalzi (7). Nel terzo quarto la Sebastiani prende il largo, la Luiss alza bandiera bianca e Rieti matura, ancora una volta con buon margine, il sesto successo consecutivo. Tuttavia la gara contro i capitolini conferma, ove ve ne fosse bisogno, che la Real necessita di un buon centro, un lungo di qualità ed esperienza o, in caso contrario, il rischio di pagare a caro prezzo questa lacuna di organico, soprattutto nei play off, sarà cogente. (Valerio Pasquetti)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi