La sconfitta patita da Taranto mette a nudo le lacune (soprattutto tecniche) della Sebastiani: ora la promozione in A2 è (molto) più lontana

Mar 21, 2021 | Basket | 0 commenti

RIETI – La Sebastiani viene sconfitta nel big match del raggruppamento D da Taranto, non sfrutta il fattore campo e ripone nel cassetto i sogni di gloria: propri e dei suoi supporters. Chi si era illuso in merito ad una perentoria, vincente cavalcata nel torneo di serie B, deve ricredersi perché, pensare di ottenere la promozione, con questi chiari di luna, sa tanto di utopia. E’ sufficiente una buona squadra – Taranto – costruita sul classico e proficuo asse play – pivot (Stanic – Matrone), con altri tre o quattro giocatori di categoria ed un allenatore esperto e diligente a guidarne le sorti per infliggere alla Sebastiani una cocente sconfitta. Il match disputato al PalaSojourner illumina una volta di più – ove ve ne fosse la necessità – in merito alle evidenti lacune  amaranto celesti. Rieti – lo si era apprezzato fino ad oggi – dispone di un’unica modalità offensiva: il tiro dall’arco. Che, pure contro Taranto, supporta il team amaranto celeste, in special modo nella prima parte del match (11 su 24 nelle conclusioni pesanti è una percentuale gratificante). Il guaio è che la Sebastiani non conosce alternative. Perché non sono nel dna dei suoi effettivi. Perché quei giocatori che dovrebbero prestarsi alla bisogna, si confermano una volta di più del tutto inadeguati. Ndoja e compagni effettuano 27 conclusioni da due, contro le 40 dei pugliesi. La Real è incapace di attaccare il canestro: non con i suoi lunghi (l’inguardabile Paci ed il giovane, volenteroso Di Pizzo segnano 5 punti in due), non con i suoi restanti elementi. L’incapacità della Sebastiani di giocare nel pitturato come di attaccare il ferro è confermata dalle conclusioni a cronometro fermo: Rieti sale in lunetta soltanto in 9 occasioni; Taranto effettua 20 personali. Così, per Taranto è un gioco schierarsi a zona e mandare in tilt l’attacco reatino che realizza la miseria di 63 punti, praticamente 20 in meno rispetto alla media mantenuta fino ad oggi. Eppure, ciò nonostante, la Real avrebbe potuto fare sua la gara. Gli amaranto celeste la conducono per lunghi tratti, ma quando si presta l’opportunità per allungare, commettono errori infantili, superficiali, di disattenzione, in una parola: imperdonabili. Le 21 palle perse la dicono lunga al riguardo. Taranto non si lascia sfuggire l’opportunità e, sull’ennesima palla combattuta a rimbalzo, Matrone, sul fil di sirena, insacca i 2 punti che regalano il successo al CJ. In sintesi, quali sono i problemi di questa Sebastiani? Il primo, dispiace asserirlo, è l’allenatore. Righetti è stato un grande giocatore, ma come tecnico lascia molto a desiderare forse perché inesperto. Lavora con questa squadra dai primi di Agosto, ma questa squadra non conosce un gioco offensivo; questa squadra non sa che cosa sia il pick and roll; questa squadra non sa attaccare il canestro; questa squadra è spesso sbadata e disattenta; questa squadra incontra difficoltà ad ogni rimessa da bordo campo; questa squadra difende poco e male. L’obiettivo della società è quello di salire subito in A2, ma Righetti non è l’allenatore adatto per raggiungere il risultato. La Sebastiani ha un pesantissimo handicap: non dispone di un lungo – almeno uno – idoneo a competere con i migliori centri avversari. Paci era stato preso per questo, ma Paci offre prestazioni viepiù improponibili. Anche contro Taranto la sua valutazione globale è pessima: -5! Non serve soggiungere altro. E senza (almeno) un buon lungo di ruolo non si va da nessuna parte. Rieti ha molti e validi giocatori, ma presenta doppioni inutili: Drigo e Cena; addirittura un tris di playmaker quali Traini, Basile e Provenzani. Ma, tra tanta abbondanza, manca una guardia che sia una, di ruolo. Ormai, però, non vi è più il tempo per riparare. L’auspicio è che la squadra sappia compattarsi e superare le conclamate deficienze o, in caso contrario, l’assalto alla serie A2 slitterà ancora di un anno. (Valerio Pasquetti)


0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi