MESSA A SAN FRANCESCO, L’OMELIA DEL VESCOVO DOMENICO

Giu 30, 2019 | Altre Notizie | 0 commenti

“Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme”. Letteralmente si dice che Gesù ‘indurì il volto’ come quando si serrano i denti di notte per la tensione che si va accumulando. Non poteva essere diversamente per chi sapeva di andare incontro al rifiuto. Che trova conferma nel rigetto degli stessi samaritani. Al che i suoi amici, Giacomo e Giovanni, invocano il fuoco, ma Gesù mostra l’altra faccia della sua determinazione che è la sua… mitezza. Non asseconda i suoi che vorrebbero vendicarsi, ma “si voltò e li rimproverò”. Questa doppia qualità: determinazione e mitezza è la particolare forza di Gesù. Oggi assistiamo ad un generale stato di confusione collettivo, salvo essere aggressivi verso i deboli. Come chi ha rimproverato il papà che è annegato abbracciato alla figlioletta nel Rio de la Plata! Gesù è consapevole della sua missione e non si scaglia contro nessuno. E lo si capisce strada facendo negli incontri che fa con tre giovani.

Il primo è entusiasta e gli grida dietro: ”Ti seguirò dovunque tu vada”. Non lo chiama “Signore” e si capisce che non è uno che segue, ma vorrebbe farsi bello con quel gesto. Come uno che mentre fa qualcosa vorrebbe subito essere ripreso e rilanciato. Gesù è senza peli sulla lingua: ”Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”. Non basta l’entusiasmo degli inizi se non si accetta la gratuità di una scelta.

Ad un altro che lo affianca è Gesù stesso che stavolta gli dice: ”Seguimi”. Ma alla proposta del Maestro segue una condizione: ”Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre”. A prima vista Gesù sembra contraddire il comandamento della famiglia, ma qui si vuol ribadire che si richiede un taglio rispetto al legame di sangue se si vuol crescere. La fuoriuscita dal tribalismo è la condizione per mescolare i nostri apporti e dar vita a qualcosa di creativo.

Infine, al terzo che si avvicina e promette di seguirlo, ma chiede una dilazione per andare a salutare i suoi, Gesù lascia intendere che non è possibile: ”Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il Regno di Dio”. Non si può andare avanti se ci si guarda indietro. Quanta nostalgia – oggi la si chiama retrotopia – impedisce alla nostra vita di andare avanti, rifugiandosi sempre in quello che è alle spalle. Gesù è venuto a spingerci avanti perché il meglio deve ancora deve venire. Perché non è vero che il meglio sta alle nostre spalle, “i migliori anni della nostra vita” devono ancora arrivare. Questo si chiama speranza. Ed è la forza nascosta del mite. Come direbbe Gesù: ”Beati i miti perché erediteranno la terra”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi