Politica

Pdl Rieti: nasce il coordinamento comunale e a settembre la festa regionale del partito

Il Popolo della libertà di Rieti continua e rilancia la sua attività di confronto e rafforzamento finalizzata alla riorganizzazione del partito e al dialogo tra le sue varie componenti con l’obiettivo di interpretare al meglio le istanze del territorio.

Già nelle scorse settimane si sono affrontate le tematiche relative ai provvedimenti di spending review e alle conseguenze per le amministrazioni locali. Da tale analisi è emersa, inoltre, la necessità di dar vita a un nuovo assetto organizzativo del partito, capace di comprendere e supportare le richieste delle comunità territoriali.

Su questa linea, si è deciso di procedere alla costituzione di un coordinamento cittadino per Rieti che si occuperà nello specifico delle criticità e peculiarità del capoluogo. È stato dato quindi mandato al dirigente del partito Claudio Valentini di attivare il confronto e il dialogo sia con gli esponenti locali del Pdl, sia con i rappresentanti della società civile per definire e strutturare il coordinamento reatino sulla base della condivisione delle proposte politiche del Popolo della libertà, dei valori di riferimento e su criteri di lealtà e coerenza.

Atto iniziale del coordinamento comunale sarà l’organizzazione della festa regionale del partito, che quest’anno si terrà nel capoluogo sabino, con lo scopo di riattivare quel dialogo virtuoso tra i territori e i vertici del Pdl, a livello regionale e nazionale, nella considerazione che il Popolo della libertà è il primo partito a Rieti ed è ancora punto di riferimento per tanti cittadini.

La festa, che si svolgerà a metà settembre, sarà l’occasione per i nostri elettori e militanti di riavvicinarsi all’impegno politico, di formulare proposte, di sottoporre istanze. Sarà compito del coordinamento comunale pervenire al rilancio dell’attività del Pdl a Rieti e a una definizione delle priorità politiche e delle proposte su cui costruire un progetto di città differente e alternativo a quello delle sinistre.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*