Altre Notizie

Petrangeli in visita all’impianto di compostaggio di Salerno

Una delegazione del Comune e della Provincia – composta dal Sindaco Simone Petrangeli, dall’Assessore all’Ambiente Carlo Ubertini, dal Commissario Giancarlo Felici e da alcuni tecnici di entrambi gli enti – ha visitato questa mattina il centro di compostaggio dei rifiuti del Comune di Salerno. Ad accompagnare la delegazione erano presenti l’Assessore all’Ambiente dello stesso Comune, Gerardo Calabrese, e il progettista dell’impianto Ing. Francesco Martino.

L’impianto realizzato a Salerno è considerato in ambito internazionale un esempio virtuoso per la qualità della progettazione, per l’efficacia delle soluzioni tecnologiche e per eco-sostenibilità. Opera in un bacino di 130.000 abitanti, è stato cofinanziato con fondi europei ed è considerato un punto di riferimento in materia di trattamento della frazione umida della raccolta differenziata.

Durante la visita l’Assessore Calabrese e l’Ing. Martino hanno illustrato alla delegazione reatina le principali caratteristiche tecniche dell’impianto: 25.000 tonnellate annue di organico trattato, circa 8.000 di compost prodotto e 4 milioni di Kw/h che lo rendono autosufficiente e capace di immettere in rete energia pulita.

Salerno, grazie a questo impianto, è uno dei comuni all’avanguardia nel trattamento della frazione umida dei rifiuti, grazie anche a un modello operativo che nel 2012 gli ha permesso di attestarsi al 69% di raccolta differenziata. Le caratteristiche del territorio, in particolare il numero di abitanti, rendono questa realtà molto simile alla provincia di Rieti e per questo i rappresentanti di Provincia e Comune hanno voluto visitare l’impianto e approfondire il modello di raccolta e trattamento dei rifiuti sviluppano dal Comune di Salerno.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*