Cultura e Spettacolo

REBUS, CERVELLONI D’ITALIA A RIETI

Molti enigmisti, giunti da tutta Italia nel centro sabino, città scelta dagli organizzatori, per l’annuale convegno dell’A.R.I., si son visti girare per il centro e soprattutto muoversi tra la Biblioteca Paroniana e l’Hotel Quattro Stagioni, il quartier generale. Gli organizzatori hanno portato moltissimi “cervelloni” nel cuore dell’Italia, ma anche il centro sabino nel cuore di moltissime persone.

La città di Rieti è stata coinvolta da tempo nell’iniziativa con i “Rebus in vetrina” e soprattutto con un corso svolto in quattro scuole reatine, dal titolo “Come si risolve un rebus”. Nella biblioteca Paroniana sono stati esposti rebus ideati dagli allievi, rebus ispirati dalle immagini tratte dal libro Matite reatine di Giuseppe Ravaioli, e rebus antichi e moderni.

La città di Rieti si è anche arricchita di un altro significato, oltre al rebus del logo (lari, gabbiani, e arieti: l’ARI a Rieti) infatti è stato ricordato che Eugenio Montale nella poesia “Al mare (o quasi)” compresa nella raccolta Quaderno di quattro anni, al verso 20 usa la parola REATINI con il significato di scriccioli.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*