Altre Notizie

SESTA OPERA SAN FEDELE RIETI SULLA TRAGEDIA A REBIBBIA

La tragedia del Carcere Femminile di Rebibbia
Il nostro dolore per i bambini e per la stessa madre che ha compiuto il folle gesto
Siamo vicini alla Direzione e alla Polizia Penitenziaria colpite dal Ministro della Giustizia

Noi Assistenti Volontari Penitenziari, che ogni giorno entriamo in carcere per dare il nostro aiuto al recupero dei detenuti per il loro reinserimento nella famiglia e nella società civile, esprimiamo il nostro dolore per i fratellini coinvolti nella tragedia del Carcere Femminile di Rebibbia, lo stesso dolore esprimiamo per la madre che ha compiuto il folle gesto e che forse non è ancora consapevole di quello che ha fatto.

Noi conosciamo la complessità del carcere, dei suoi problemi, della sua gestione, che non può essere attribuita agli operatori penitenziari, alla Direzione ed alla Polizia Penitenziaria, sulle quali non può essere scaricata la responsabilità di fatti che invece avvengono per mancanza di volontà politica nella soluzione dei problemi, che possono essere evitati con misure alternative alla detenzione, creando in particolare luoghi idonei alla detenzione, dignitosa ed umana, per le madri e per i loro bambini.

Pensare di dare risposte risolutive, cercando dei responsabili, che responsabili non sono di tragedie come quella avvenuta, è sbagliato, come ha fatto il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Noi Assistenti Volontari Penitenziari siamo vicini alla Direttrice ed alla Vice Direttrice, alla Vice Comandante della Polizia Penitenziaria del Carcere Femminile di Rebibbia, per la sospensione dal servizio subita ad opera del Ministro, perché siamo a conoscenza della loro professionalità e dedizione alle donne ed ai bambini detenuti nel Carcere Femminile di Rebibbia.

Noi Assistenti Volontari Penitenziari della Sesta Opera San Fedele Rieti, ci aggiungiamo alla moltitudine di coloro che in queste ore stanno sottoscrivendo l’appello alle istituzioni ed ai cittadini, rispettosi della dignità umana indicata dalla Costituzione Italiana.

Potrebbe interessarti anche