Tares: Confartigianato, UPA-Casartigiani e CLAAI danno battaglia al Comune di Rieti

Gen 2, 2014 | Altre Notizie | 0 commenti

Confartigianato Imprese Rieti, UPA Casartigiani e CLAAI di Rieti in prima linea contro una scriteriata applicazione del Regolmento TARES da parte del Comune di Rieti sugli immobili destinati ad attività produttiva.
Dopo ben tre incontri che i rappresentanti delle tre associazioni hanno avuto con l’Assessore al Bilancio Marcello Degni, l’Assessore alle Attività Produttive Emanuela Pariboni, il Dirigente del settore Economico Finanziario, Vito Dionisi, e il Presidente della Commissione Bilancio del Comune di Rieti, Simone Miccadei, si prende atto della sostanziale indifferenza da parte dell’amministrazione comunale alle rimostranze del comparto artigiano sull’applicazione della tassa sul servizio urbano di raccolta dei rifiuti.
Veniamo ai fatti: il regolamento Tares del Comune di Rieti, all’art. 10 comma 1 cita: “nella determinazione della superficie tassabile delle utenze non domestiche non si tiene conto di quella parte ove si formano, in via continuativa e nettamente prevalente, rifiuti speciali non assimilati e/o pericolosi, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i produttori “.
In base a questo comma, è lecito prevedere che sugli immobili di utenze non domestiche, nelle quali è ben identificata l’area produttiva in cui sono prodotti rifiuti speciali conferiti a società di smaltimento private, non possa venire applicata alcuna tassazione da parte dell’Ufficio Tributi del Comune di Rieti.
Una misura sacrosanta, che esenterebbe le imprese dal pagamento di un servizio di cui di fatto non usufruiscono, dato che allo smaltimento dei rifiuti derivanti da attività produttiva ci pensano, peraltro a costi esorbitanti, società di smaltimento private abilitate alla raccolta di rifiuti speciali e pericolosi. Se pensiamo per esempio ad una carrozzeria, questo tipo di impresa paga in media all’anno circa 2mila euro per smaltire i rifiuti prodotti (per esempio contenitori vuoti, vernici, carta e stracci sporchi etc.). La stessa impresa, in contrasto a quanto stabilito dal Regolamento comunale, si trova a dover pagare nel 2013 anche un’imposta TARES media di circa 1.500 euro, cifra che comprende il servizio di raccolta rifiuti relativamente all’area produttiva, che di fatto non produce rifiuto assimilabile all’urbano.
Confartigianato Imprese Rieti, UPA Casartigiani e CLAAI hanno presentato al Dirigente e agli
Assessori documentazione comprovante l’errato calcolo dell’imposta a danno delle imprese. La
risposta è stata nettamente negativa: per ragioni di bilancio, il Comune non intende applicare il
Regolamento approvato dai suoi stessi rappresentanti.
Le Associazioni intendono ora procedere per le vie legali. Si invitano le imprese a verificare
l’esattezza degli importi TARES pagati o da pagare al Comune di Rieti. Raccolta la documentazione
Confartigianato, UPA e CLAAI presenteranno i ricorsi all’Ufficio Tributi del Comune.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi