Regione

TERREMOTO, RIFIUTI SOTTO LE SAE. TUTTI I PROBLEMI DELLA RICOSTRUZIONE ARRIVANO IN REGIONE

Natale 2017 a Cittareale

Anche rifiuti sotto le Sae. Non solo, quindi, guasti e disagi nelle casette per i terremotati del Lazio ma nel complesso. Sono 34 le segnalazioni arrivate alla Regione Lazio per problemi nelle Sae (Soluzioni abitative in emergenza) su circa 500 casette consegnate. Numeri tanto esigui quanto inconcepibili quelli presentati ieri in Regione dall’assessore regionale alle infrastrutture Fabio Refrigeri. Giunti dalle segnalazioni dei cittadini e dai 28 sopralluoghi compiuti in questi giorni (su un totale di 35 previsti).
In commissione speciale alla Pisana, presieduta da Pietro Di Paolo (Cuoritaliani), sono state ribadite le problematiche sulle fognature, sull’acqua ghiacciata nelle tubature, guasti alle caldaie, e in misura inferiore anche infiltrazioni d’acqua e problemi alle grondaie, come ha spiegato l’ingegnere Wanda D’Ercole. Diverse le cause e non sempre la ‘colpa’ è soltanto di chi ha fatto lavori. Nei ‘pozzetti’ degli scarichi, infatti, in alcuni casi durante i sopralluoghi di questi giorni è stata trovata anche plastica e oggetti che non sarebbero dovuti stare lì.
Le caldaie che si sono guastate hanno invece interessato le casette rimaste inabitate per molti giorni perché il gelo le ha rovinate mentre ci sono stati casi in cui l’acqua si è ghiacciata all’interno delle tubature che non erano state coibentate. Ad Accumoli, poi, all’interno delle Sae entrava acqua dagli infissi. I lavori per le casette ad Amatrice e Accumoli sono stati fatti velocemente, in situazioni climatiche difficili, sottolineano dalla Regione, quindi qualche difetto può anche esserci ma ora le imprese sono già al lavoro per le riparazioni.
”Credo sia stato molto utile effettuare questi sopralluoghi – afferma all’Adnkronos l’assessore Refrigeri – tra l’altro tutti in forma congiunta, quindi i verbali sono stati firmati da tutti, si tratta di fatti e non opinioni. I fatti dicono che fortunatamente non ci sono problemi progettuali ma solo alcuni inconvenienti che si stanno affrontando rapidamente. Segno ne è anche il numero esiguo di segnalazioni arrivate in merito a problemi e disagi. Quindi c’è stato un controllo molto attento da parte di tutti.
E’ chiaro – sottolinea Refrigeri – che avere oltre 40 diverse aree all’interno del comune di Amatrice e altre 11 ad Accumoli, da un lato garantisce la salvaguardia dell’identità delle frazioni ma dall’altro ha comportato di dover realizzare le casette su terreni che non erano i migliori, in questo modo però gli abitanti sono rimasti a vivere nelle loro frazioni”. Soddisfazione viene espressa anche dalle opposizioni. ‘‘E’ stata una riunione importante – commenta il consigliere Devid Porrello (M5s) – per conoscere sia le problematiche dei cittadini sia gli interventi che l’amministrazione sta mettendo in campo per risolvere i problemi pratici dei cittadini e noi, come Commissione speciale per il terremoto – conclude – dobbiamo fare da trait d’union fra i cittadini e le istituzioni”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*