Altre Notizie

TRUFFA NELL’AGRICOLTURA: ARRESTATI 2 REATINI

14 indagati di cui 5 sottoposti a misure cautelari personali. Tutti gli altri a misure cautelari patrimoniali con sequestro preventivo delle somme indebitamente percepite, per un totale di una truffa ai danni della regione Lazio, quindi del piano di sviluppo rurale, di circa 1 milione 700mila euro, di cui 600 mila percepiti materialmente dalle aziende agricole coinvolte. Sono questi i numeri dell’operazione denominata “Castelli di carte” messa a segno dalla polizia giudiziaria della Forestale di Rieti.
“I reati contestati sono la truffa e specialmente il falso ideologico oltre a diversi tipi di falso e all’abuso edilizio. Molte opere sono state eseguite in completa difformità e senza i titoli abilitativi e le autorizzazioni, anche paesaggistiche, imposte dalla legge”.
Così il Comandante del corpo forestale dello stato di Rieti, Giovanni Coviello. I cinque sottoposti a misure cautelari personali sono un geometra (la mente del sistema truffaldino), un agronomo e tre titolari di aziende (di Rieti, Poggio Bustone, Colli sul Velino e Morro) agricole di cui una inesistente (quella di Poggio Bustone).
Si è trattato di un’operazione lunga e complessa partita nel 2014.
Ci sono state una serie di perquisizioni di documenti e riscontri a livello degli uffici tecnici provinciali e regionali, ma anche controlli sul territorio.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*