Altre Notizie

UGL, Polizia Locale dimenticata dall’Amministrazione Provinciale

A distanza di oltre otto anni dalla riforma della Polizia Locale, avvenuta con il varo della Legge Regionale 13/01/2005 n° 1, poco è accaduto per il corpo di Polizia Locale dell’Amm.ne Prov.le di Rieti. A dichiararlo il Segretario Generale aggiunto dell’UGL di Rieti, Monia Guadagnoli.

La nuova norma in materia di Polizia Locale, prosegue la sindacalista, conferma quanto già stabilito dalla Legge 65/86 che attribuiva agli agenti le funzioni di polizia giudiziaria, di pubblica sicurezza e polizia stradale, mantenendo quelle storiche inerenti la caccia, la pesca, l’ambiente, i rifiuti ed altre. La delicatezza e l’importanza delle competenze assegnate al personale del corpo di Polizia locale, prevedono oltre ad una adeguata dotazione organica anche e soprattutto un proporzionato equipaggiamento in termini di strumenti e veicoli.

Il complesso quadro normativo, in materia ambientale, di rifiuti e di pubblica sicurezza più in generale, soprattutto riguardo il maneggio e l’uso delle armi, (ricordiamo infatti che il corpo è armato), obbliga le amministrazioni ad una continua formazione. Ahinoi!!! continua Guadagnoli, tutto ciò resta solo negli intendimenti delle norme. Da tre anni infatti gli agenti non effettuano la formazione obbligatoria sul maneggio delle armi con le relative sessioni di addestramento al tiro, quando invece la normativa di riferimento stabilisce che gli agenti devono esercitarsi al poligono, almeno una volta l’anno. Per non menzionare la carente formazione teorica sulle norme di riferimento alle funzioni assegnate. Altro nodo dolente sono le dotazioni relative all’autoparco in uso composto da autovetture vetuste e usurate, situazione questa aggravata dall’assenza di ricetrasmittenti, strumenti indispensabili per la comunicazione e sicurezza degli operatori. I telefonini di servizio attualmente in uso non garantiscono per ovvi problemi di campo, una sufficiente copertura sul territorio.

Da una prima analisi, conclude il segretario UGL, sorge il dubbio che gli operatori della Polizia Locale siano dimenticati dall’Amm.ne Prov.le; la certezza ci arriva leggendo il redigendo Contratto Decentrato Integrativo, all’interno del quale il settore della Polizia Locale viene menzionato in un unico punto riguardante la turnazione e per il resto è sconosciuto. Da settimane l’UGL, insieme agli iscritti della categoria, ha chiesto un urgente incontro per trovare soluzione alle anomalie appena citate; ma ci sembra di aver fatto la fine degli operatori: siamo diventati invisibili!!! A questo punto non ci rimane che scegliere se vestirci di rosso, insieme agli agenti, per attrarre l’attenzione oppure rivolgerci alle sedi competenti per denunciare le carenze dell’Amministrazione Provinciale per ottenere il minimo sindacale.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*