Urbanistica, la sinistra si spacca

Mag 24, 2013 | Altre Notizie | 0 commenti

E’ bufera tra la classe politica e il sindacato sul tema della realizzazione del nuovo istituto alberghiero.

L’argomento sembra sia diventato l’unico terreno di scontro o di  confronto, a seconda dei punti di vista, nell’erronea convinzione che il vero rilancio dell’economia cittadina passi per l’approvazione, in consiglio comunale, della variante al piano regolatore.

“Riteniamo piu’ corretto parlare in questo caso di sanatoria piuttosto che di variante – scrive Andrea Sebastiani (centro-destra) – visto che l’Amministrazione Prov.le di Rieti e’ stata così’ solerte nell’andare incontro alle esigenze degli studenti del Costaggini che ha già da tempo appaltati i lavori, non restando certo sorda al richiamo di un imprenditore in difficolta’,  al quale è’ andata immediatamente incontro acquistandogli, di fatto, nel 2011, attraverso lo strumento del leasing immobiliare, un immobile (l’attuale convitto) che a quell’imprenditore era rimasto sul groppone.
Conoscendo perfettamente le norme e i conseguenti vincoli edificatori introdotti dal Pai, redatto nel 2002 ed entrato in vigore nel 2007, quindi prima della data di acquisto e ben sapendo che andremo ad edificare un istituto sottodimensionato rispetto alle esigenze, non ottenendo il risparmio sperato poiché avremmo comunque bisogno di una succursale per la quale continueremmo a pagare canone di affitto.
Tornando pero’ a bomba, come si suol dire, crediamo di poter ragionevolmente affermare che, in realtà’, questo della realizzazione del nuovo plesso scolastico sia soltanto uno dei tanti argomenti che dovrebbero animare il dibattito politico, a distanza di un anno dall’insediamento della nuova giunta comunale e di un consiglio comunale rinnovato per oltre 2/3.
I lavoratori, gli imprenditori che ancora hanno la forza e la volontà’ di investire in questa città’, i cittadini tutti si chiedono quale sia il programma urbanistico di questa amministrazione atteso che, se l’Assessore Cecilia legittimamente pensa che le idee e i progetti calati sul tessuto urbano dalla precedente amministrazione non siano di suo gradimento e ritiene di averne altre migliori, allora ritengo che sia giunto il momento di farle conoscere alla città.
Dopo però’ aver dato credibili risposte in merito ai 32 progetti fermi dentro i cassetti degli uffici e che nelle intenzioni dei proponenti dovrebbero dare nuovo lustro ad alcune aree interne della città’, che mancano di definizione architettonica e per le quali il nuovo piano regolatore e’ stato inclemente.
Importante esempio di connubio tra pubblico e privato, i c.d. programmi  integrati di intervento, hanno lo scopo di riqualificare il tessuto urbano, edilizio e ambientale.
Non solo le zone dell’ ex zuccherificio e dell’ ex snia, ma quella in fondo al viale matteucci ricompresa tra il Centro Commerciale Perseo e l’Hotel Serena, tutta l’area che insiste sotto la frazione di Maglianello Basso, quella situata alle spalle della Coop. Futura, dove oggi trova ubicazione la concessionaria Ford, e quella che ancora parzialmente ospita la sede dell’Asm in via Tancia.
L’Amministrazione ha chiesto a questi imprenditori recentemente il rinnovo delle fideiussioni bancarie per mantenere in vita i progetti e che, se esaminati ed eventualmente approvati, porterebbero nelle casse comunali qualcosa come tre milioni di euro soltanto di oneri di urbanizzazione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi