Altre Notizie

VERTENZA RIETI, PAOLUCCI UIL: “MEGLIO TARDI CHE MAI”

Apprendiamo con soddisfazione Che L’Ass.Refrigeri e il Presidente della Provincia Rinaldi invocano un Tavolo per la Vertenza Rieti. Un anno e mezzo fa sollecitammo il presidente Rinaldi ad aprire un tavolo di crisi per la nostra provincia,ma purtroppo senza avere nessuna Risposta, oggi con L’avvicinarsi della tornata elettorale ecco dal cilindro una bella richiesta. Bene Meglio Tardi che Mai per L’apertura della vertenza Rieti.
Queste sono le affermazioni del segretario Uil Alberto Paolucci.
“Rieti è in ginocchio e non possiamo perdere più nemmeno un minuto di attesa. Bisogna aprire subito un “Tavolo di Crisi” su delle emergenze che stanno paralizzando l’attività produttiva ed economica del nostro territorio, con pesanti ripercussioni su migliaia di famiglie”..
“I problemi sono tanti continua il segretario della Uil, ma oggi dobbiamo subito affrontare con la giusta determinazione la drammatica incertezza sul futuro che stanno vivendo i dipendenti della Leon, Gala,Ritel, invitando L’ass.Refrigeri e il Presidente Rinaldi ad istituire e Convocare un tavolo di Crisi Permanente per tutte le problematiche del nostro Territorio, incominciando proprio dai lavoratori della Provincia. Pretendiamo risposte certe dalla Regione e dai parlamentari locali e istituzioni locali. Parallelamente il Tavolo di Crisi si deve occupare oltre ai servizi della Provincia della vertenza-trasporti. Non possiamo svendere la tratta del Cotral Rieti-Roma. Diciamo No allo scambio gomma-rotaia di Passo Corese e chiediamo, invece, con forza, l’acquisto dei 4 Locomotori indispensabili per il potenziamento della tratta ferroviaria Rieti-Terni-Orte-Roma (costo 20 milioni di euro).
La Regione non ci deve regalare niente, Conclude Paolucci, perché la provincia di Rieti è creditrice di 36 milioni di euro per l’ indennizzo dell’acqua potabile sfruttata da Regione, Comune di Roma e Acea. Non vogliamo più essere presi in giro, vogliamo pari dignità con altre provincie.

Rieti 05/07/2016

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*