Vola il gelato artigianale, consumi a +14% da inizio anno

Giu 10, 2021 | Altre Notizie | 0 commenti

di Marco Staffiero
In città per una cena tra amici, in spiaggia tra un ombrellone e l’altro, o in montagna tra i verdi prati. Con l’arrivo dell’estate il gelato artigianale è perfetto per ogni occasione. Da Nord a Sud della penisola cresce la “voglia” di gelato artigianale, quasi a simboleggiare il desiderio di rinascita e ripartenza del Paese dopo il picco dell’emergenza sanitaria con consumi nazionali che segnano un +14% da inizio anno, come segnalato da Claudio Pica, segretario generale dell’Associazione Italiana Gelatieri. Sulla preferenza di gusto per la stagione che va ad aprirsi sembrano invece poter avere un buon successo gli ingredienti nutrienti e salutari, essenze floreali e tradizione officinale per un comparto che valeva, fino al 2019, tra gelaterie con produzione e sole rivendite, oltre 39 mila imprese per un fatturato annuo di 4,2 miliardi e 75 mila addetti diretti, secondo l’Osservatorio Sigep (Salone internazionale di gelateria, pasticceria, panificazione artigianali e caffè di Ieg – Italian Exhibition Group, Fiera di Rimini-22 26 gennaio 2022). Tra le proposte di gelato emergono in particolare quella della riminese Sonia Balacchi, campionessa mondiale di pasticceria al Sigep, che presenta una collezione di monoporzioni gelato, ideale tanto per lo “street food”, quanto per la “home delivery.” La linea si chiama “Natura Sandwich” studiata con ingredienti che produce nell’azienda agricola di famiglia da energia rinnovabile con il risultato di avere, ad esempio, il Natura Sandwich Gold, con pane biscotto all’albicocca, arancio e zafferano ripieno di gelato Kefir mango, ananas, maca e zenzero candito Ma tra le proposte si fa strada anche il gelato al tarassaco (pianta tipica del territorio del Friuli) variegato al papavero di Giancarlo Timballo, maestro friulano, presidente della Coppa del Mondo di Gelateria,. Eugenio Morrone campione del mondo di gelateria al Sigep del 2020 segnala invece l’exploit della mandorla grezza che divide il podio con il pistacchio e la massa di cacao. La scelta biologica cresce anche nel gelato. Sono in aumento le gelaterie che scelgono il biologico per la produzione.  L’indicazione ‘biologico’ si riferisce al metodo di produzione e non solo al singolo prodotto. La garanzia che ci troviamo di fronte a un prodotto biologico è data dall’etichetta, che lo deve accompagnare nel caso si tratti sia di un prodotto fresco sia trasformato. L’etichetta deve perciò riportare la dicitura ‘prodotto da agricoltura biologica’ e non semplicemente ‘prodotto biologico’. I soli prodotti che possono ottenere la certificazione sono quelli con almeno il 95% di ingredienti ottenuti da agricoltura biologica. Bio è sinonimo di qualità: la certificazione, nel settore alimentare così come in quello industriale, rappresenta per il cliente la garanzia di un processo produttivo sotto controllo e quindi è un eccellente strumento di comunicazione con il pubblico. Inoltre, ciò che è biologico è ritenuto attento al sociale e quindi è percepito come più etico. Insomma, ad una maggiore qualità della materia prima si unisce la garanzia del rispetto della natura, e della sicurezza del prodotto, i valori fondamentali della comunicazione di un prodotto biologico.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi