CECILIA, LARGO S. GIORGIO: “NESSUN ABUSO EDILIZIO”

Apr 22, 2015 | Politica | 0 commenti

Le improbabili ricostruzioni e narrazioni dell’incredibile e colossale caso, costruito dai giornali, sui presunti abusi edilizi di Largo San Giorgio non possono che lasciare amareggiati.

Chiunque, fidando sul comune buon senso, dovrebbe aver chiaro che realizzare un Polo Culturale al centro storico di Rieti, ha poco a che vedere con un “abuso edilizio”.

Un Polo Culturale, un servizio per la collettività, non solo non può essere in contrasto con le norme urbanistiche ma, al contrario, rispetto alle destinazioni d’uso preesistenti (officine, fabbriche, residenze), rappresenta, semmai, un “necessario adeguamento” alle norme stesse. Decretare, al contrario, che il polo culturale di San Giorgio costituisca un abuso edilizio insanabile, ci farebbe trovare nel curioso paradosso che il Comune di Rieti sarebbe costretto ad ordinare il ripristino dello stato dei luoghi e, conseguentemente, ordinare il ripristino di opifici al centro storico. Questo si che sarebbe in contrasto con le norme urbanistiche.

Purtroppo, restando impantanati in interpretazioni, opinioni, cavilli burocratici e perdendo di vista il mirabile recupero e l’irripetibile esperienza culturale che hanno rappresentato “Le Officine”, si fa fatica a trovare una soluzione. Tra le decine e decine di pratiche prodotte per realizzare l’opera, cercando bene, se ne possono trovare molte di situazioni che lasciano spazio ad interpretazioni (e persino, forse, qualche errore).
Lascia una profonda amarezza pensare che il tutto nasce da una speculazione politica, promossa da chi, con pochi argomenti concreti da spendere e senza troppi scrupoli, si è dimostrato persino incurante del danno che questa “operazione” avrebbe causato all’intera città, privata, incredibilmente, di un eccellente Polo Culturale che non aveva pari in Italia.

Sicuramente si giungerà a fare la necessaria chiarezza grazie all’imparzialità rigorosa della magistratura, ma appare altrettanto chiaro che, per la complessità del caso, ciò non potrà che giungere a conclusione di una interminabile vicenda burocratica/giudiziaria. Quando si giungerà a comprendere che tutto era corretto e ammesso dalle norme o, eventualmente, sanabile, si dovrà constatare che l’unico risultato raggiunto sarà l’aver speso una quantità indicibile di denaro dei contribuenti e (malauguratamente) la cessazione definitiva delle attività che si erano avviate nelle “Officine”.

I reati, gli abusi contestati, ricostruiti nel corposo fascicolo di indagine che ha condotto al sequestro, sono fondati su una serie di presunti errori formali. La procura, in seguito agli esposti e alle pubbliche denunce di “onorevoli cittadini”, è stata indirizzata ad indagare (legittimamente) su presunte irregolarità commesse nel procedimento amministrativo che ha condotto alla realizzazione del complesso. Non entro in merito al rigore con cui la Procura ha condotto le indagini e al conseguente decreto di sequestro, probabilmente un atto dovuto, viste le eccezioni sollevate dai vari Enti coinvolti. Ma preme, soprattutto, far rilevare che la questione verte sul presunto errore FORMALE commesso nel presentare i titoli edilizi, quindi, non sul merito, ma sulla forma del titolo.

Ci si interroga da oltre un paio d’anni se sia stato legittimo presentare una DIA, piuttosto che un Permesso di Costruire, piuttosto che, addirittura, un Piano di Recupero. Non ci si interroga, però, se il risultato sia comunque legittimo o legittimabile, ma se il titolo sia stato idoneo, se il percorso sia stato corretto.
Anche in merito alla sicurezza sismica ci si interroga, non tanto sulla reale solidità dei fabbricati (il che risulta oggettivamente chiaro, persino ad un non addetto ai lavori), ma se, per caso, siano state effettivamente tutte prodotte, nei modi e nei tempi dovuti, le richieste di autorizzazione sismica. Nessuno ha probabilmente dubbi sul fatto che i lavori siano stati eseguiti in maniera ineccepibile e che le opere siano effettivamente sicure. Ci si interroga piuttosto se fosse legittimo realizzare quelle stupende ed innovative opere di consolidamento, prima della variazione di destinazione d’uso. Ci si interroga se sia stato lecito non aver prodotto ulteriori verifiche al genio civile in seguito alla variazione di destinazione d’uso (non essendo necessario eseguire opere di adeguamento). Si è ritenuto (ad avviso dello scrivente correttamente) che le verifiche prodotte fossero già ampiamente cautelative. L’unico “peccato” commesso (che il buon imporrebbe di considerare virtù) è l’aver voluto trovare la strada più semplice e rapida per giungere al risultato.
Come rispondere al “curioso” quesito riportato da un quotidiano locale che si domanda se rappresenti un conflitto di interessi che l’autore di dette opere, colui che le ha progettate, ideate e dirette, cerchi di spiegare in che modo le stesse siano state realizzate, se le stesse rispettino le norme.
Solo una domanda può rispondere a tale quesito: chi mai dovrebbe svolgere questo compito se non il progettista e direttore lavori dell’opera? Non sarebbe assurdo ed inconcepibile che se occupassero altri?
Andrea Cecilia

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi