CGIL, QUALE FUTURO PER ASM?

Gen 26, 2015 | Economia, Politica | 0 commenti

di SANDRO CARINGI (Filt Cgil)

E’ importante mantenere i riflettori accesi sulla vicenda ASM e sul futuro di una azienda che, per rispetto della verità, è stata portata sull’orlo del dissesto finanziario da gestioni allegre del passato e da una privatizzazione del 40% che non ha prodotto, oggettivamente, alcun miglioramento né dal punto di vista finanziario né dal punto di vista dell’operatività dell’esercizio.

Tutto questo si è realizzato con una proprietà (il Comune di Rieti) con un segno politico diverso dall’attuale (privatizzazione compresa); da quando l’attuale giunta si è insediata, da un lato i restringimenti legislativi sull’indebitamento degli EE.LL. e dall’altro le incombenti necessita’ di un debito ereditato dalle vecchie gestioni, hanno quasi ingessato le iniziative volte alla risoluzione dei problemi.

Per quanto detto appare corretta l’iniziativa di alcuni lavoratori che, attraverso gli organi di stampa, chiedono di sapere quale sarà il futuro loro e della loro Azienda.
Ma sarebbe bastata un minimo di attenzione per verificare che le OOSS dal livello Confederale fino alle RSA hanno chiesto, non più tardi di un paio di settimane fa, ad Azienda e Proprietà, ogni livello secondo le proprie prerogative, l’apertura di tavoli di confronto per mettere nel massimo della trasparenza i progetti sul futuro dei servizi attualmente svolti da ASM, nella piena coscienza della necessità del risanamento e della modernizzazione della stessa ASM, condizioni queste ineludibili per garantire servizi alla città e diritti ai lavoratori.

La vicenda Romana di “Mafia Capitale” del resto è li ad ammonirci dei rischi che si celano dietro certi privati per nulla interessati alla qualità dei servizi erogati e al rispetto dei diritti e del salario dei lavoratori e molto attenti, viceversa, al proprio tornaconto personale da raggiungere, purtroppo, anche con mezzi illeciti.
Noi pensiamo ancora che la risposta delle istituzioni alla domanda di servizi da parte dei cittadini sia contenuta in una sana gestione delle aziende pubbliche e nel coinvolgimento di tutte le parti sociali: Sindacati ed Associazioni, nella costruzione e nel controllo dei processi;
per questo crediamo fermamente, nell’ambito delle compatibilità che la realtà economica ci impone, che l’unica risposta sia contenuta nella ri-pubblicizzazione totale di ASM.

Per il futuro di ASM, per i cittadini e per i lavoratori che ci operano, abbiamo richiesto più tavoli con le controparti coinvolte, perché rivendichiamo la condivisione dei progetti e la trasparenza della gestione, coscienti che, per quanto già detto, ci troviamo ad operare in condizioni difficilissime ma certamente non impossibili.
Giovedì 22 us si è tenuto un primo incontro tra Ente.Locale. e OO.SS. Confederali in cui si sono chiariti i percorsi che verranno intrapresi su ASM a partire dai prossimi mesi: la Proprietà impegnerà l’azienda all’analisi sistematica delle capacità economiche, all’individuazione delle criticità per addivenire, in tempi brevissimi (Febbraio 2015), ad un piano industriale capace di individuare obiettivi di breve e medio termine e le relative risorse necessarie al loro raggiungimento, nell’ambito di uno strategico rilancio sul piano regionale; il Sindaco si è impegnato al mantenimento di un tavolo di confronto con le controparti sindacali per poter cogliere e condividere ogni suggerimento utile al miglioramento del percorso intrapreso.
Tutto risolto?
Certamente no, siamo in attesa della convocazione delle Organizzazioni Sindacali di categoria per comprendere, ad esempio, se in sede Aziendale, quanto affermato sul tavolo Istituzionale dal Sindaco con le Confederazioni trovi rispondenza adeguata e condivisione in termini operativi con i rappresentanti provinciali dei lavoratori.
Siamo contemporaneamente in attesa della convocazione delle Rappresentanze Sindacali Aziendali sui temi caldi della manutenzione, dell’organizzazione del lavoro e del parco mezzi.
L’apertura di tavoli di confronto, con un sistema chiaro di relazioni sindacali è, secondo il nostro punto di vista, garanzia di trasparenza e partecipazione dei cittadini-lavoratori alla cosa pubblica, la rottura di questo modello virtuoso aprirebbe una stagione di conflitti ed incomprensioni non auspicabili.
Il Segretario Generale Filt CGIL di Rieti Sandro CARINGI

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi