Coldiretti e candidati sindaci a confronto

Apr 30, 2012 | Economia, Politica | 0 commenti

Tre candidati a sindaco al Comune di Rieti hanno fatto visita alla sede della federazione provinciale di Coldiretti per parlare di alcune criticità del mondo dell’agricoltura reatina. A fare gli onori di casa il direttore Aldo Mattia, il delegato provinciale Ivano Capannini e il presidente Enzo Nesta che, davanti ai rappresentanti del consiglio provinciale di federazione, hanno introdotto gli argomenti di discussione, riassunti in cinque punti principali: la vendita diretta, l’accesso al credito, la crisi della zootecnia nella piana reatina, il rilancio del Consorzio di Bonifica e i danni provocati dalla fauna selvatica. “Temi concreti, nessun libro dei sogni”, ha tenuto a precisare il direttore Mattia.

Il primo a sottoporsi alle domande è stato l’avvocato Antonio Perelli che ha ricordato che da 14 anni fa parte dell’amministrazione comunale e conosce bene dinamiche e problematiche. E’ importante avere persone che già conoscono la macchina per fare subito scelte rigorose”. Sulla vendita diretta, il candidato del centrodestra ha sottolineato la “decisione presa anni fa con i mercati Campagna Amica: un vantaggio per amministrazione, cittadini e utenti, ma anche per gli agricoltori che hanno accesso alle piazze pubbliche”. “Nell’ultima delibera di giunta – fa poi sapere Perelli – è stato approvato il secondo e ultimo stralcio del progetto del mercato coperto che tornerà alla sua originaria funzione, che così potrà ospitare anche il mercato di Coldiretti che potrà implementare l’attività”. Per quel che concerne l’accesso al credito, Perelli ha affermato che il sistema cofidi è inserito “con chiarezza” nel suo programma elettorale; mentre sulla crisi della zootecnia, ha affermato che “sulla Coop76 non si possono fare passi indietro”. Capitolo rilancio del Consorzio di Bonifica. “Il presidente Adriano Tarani mi sembra abbia preso bene in mano le redini del consorzio. – le parole di Perelli – E’ molto utile per l’amministrazione avere persone che abbiano il polso della situazione. Certo è che il Comune deve avere il ruolo di continuo stimolo sulla Regione”. Sui danni derivanti dalla fauna selvatica, il candidato del centrodestra ha le idee chiare. “ Il modello Amatrice (lo “schema” che prevede una filiera corta dalla cattura alla vendita della carne, ndr) va ripreso”.

Il candidato dei Moderati di Centro, il dottor Silvio Gherardi, che prima di iniziare ha voluto precisare la sua capacità nell’amministrare e non nel fare politica. “Abbiamo visto cosa ha fatto la politica a questa città e al Paese”. “L’agricoltura è uno dei punti fondamentali del mio programma elettorale, inteso come rilancio dell’eccellenza agroalimentare e delle bellezze del territorio come la Piana reatina, il Terminillo, il Velino e le acque in genere”. Sulla questione vendita diretta, Gherardi ritiene i mercati di Campagna Amica “fondamentale, di altissima qualità, che permette un risparmio per il cittadino e dà vantaggi all’agricoltore. L’intento è farlo diventare un punto di riferimento fisso”. E per rilanciare il settore, il candidato dei Moderati di centro pensa anche “all’istituzione di una scuola agricola, magari abbinata all’alberghiero, per fare di Rieti un centro dove specializzarsi”. Capitolo accesso al credito. “Abbiamo intenzione di istituire un sportello di accesso al credito europeo: il Comune deve essere un catalizzatore delle necessità, e deve inoltre collaborare con altre istituzioni”. Crisi della zootecnia. “Se si riesce a rilanciare l’agricoltura si rimette in moto tutto”. Per Gherardi, poi il rilancio del Consorzio di Bonifica passa da quello dell’Università Sabina. “Deve diventare un’università che ‘lavori’ sulle eccellenze del territorio”. Per quanto, riguarda i danni da fauna selvatica, “si tratta di un problema vissuto da tutti che non va assolutamente sottovalutato”.

L’avvocato Simone Petrangeli, candidato a sindaco del centrosinistra, dopo aver sottolineato che “l’età media di chi opera nel settore è di circa 65 anni, e quindi tra dieci anni rischia l’abbandono se non vengono coinvolti i giovani, e l’avanzamento delle zone boschive, sintomo che i territori non sono curati”, ha anche evidenziato come “da dieci anni manchi un assessore con delega all’agricoltura, un settore che deve essere legato a filo doppio con il turismo”. Filiera corta: “non c’è solo il mercato coperto, ma bisogna ritornare nelle varie aziende, organizzare veri e propri tour, magari sfruttando anche la pista ciclabile, per fare un ritorno alle origini”. Dopo aver giudicato “fondamentale” l’accesso al credito, Petrangeli pone l’attenzione sulla crisi della zootecnia. “Per ogni reatino ci sono sette capi di bestiame: – spiega –  una risorsa incredibile. Credo sia necessario rivitalizzare il mattatoio, non aprirlo solo due giorni a settimana. E’ un settore dove poter eccellere e recitare un ruolo importante sul mercato”. “Sarebbe importante – prosegue – tornare a consumare i prodotti locali, ma per questo c’è bisogno di un lavoro di carattere culturale”. Capitolo Consorzio di Bonifica. “E’ necessario semplificare funzioni e chiarirne la natura che impediscono di reperire risorse”. Per i danni da fauna selvatica, il candidato del centrosinistra, sposa l’idea di Amatrice. “E’ molto interessante e credo che possa essere realizzata – fa sapere – e bisogna lavorare con più collaborazione con i cacciatori, le associazioni e chi gestisce enti e parchi”.

[imagebrowser id=48]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi