DAI NOSTRI LETTORI DURE CRITICHE A COTRAL: VANDALI, UTENTI SENZA BIGLIETTO E FERMATE PERICOLOSE. OCCORRE UN PASSO INDIETRO

Giu 20, 2018 | Regione | 0 commenti

Di: Riccardo Catelli

Dallo scorso 9 giugno il servizio di trasporto pubblico regionale nella provincia di Rieti può non essere più considerato studiato per e sulle esigenze dell’utente, ma sulla necessità di tagliare i costi dell’azienda Cotral, l’azienda di trasporti pubblici di proprietà della Regione Lazio.

Si credeva, e ci si era illusi, che finalmente con l’avvento dell’Ing. Giana alla guida di Cotral, si fosse voltata pagina. E ce lo ha fatto credere anche il Presidente della stessa Cotral Colaceci, che non più tardi di gennaio 2018, parlava di un’azienda pronta per il futuro (https://www.autobusweb.com/amalia-colaceci-cotral-ora-e-pronta-per-il-futuro/).

Poi l’Ing. Giana è tornato nella sua Milano. E Cotral è ripiombata nella gestione mediocre che l’aveva contraddistinta fino al 2016.
Neanche con la “rinfrescata” dei pullman nuovi, l’azienda è riuscita ad orientarsi verso il futuro paventato dalla Colaceci.
I nuovi pullman, con la dotazione di telecamere di sorveglianza a bordo, dovrebbero avere il duplice scopo di vigilare sulla sicurezza di chi viaggia e di essere un deterrente verso chi tenta di vandalizzare gli stessi.

Sul primo obiettivo ci sarebbe molto da dire, visto che il personale operatore di servizio Cotral continua a concedere la salita a bordo a personaggi indecorosi sia in termini di abbigliamento che di pulizia personale, laddove sarebbe nelle loro competenze, anche e soprattutto ora che sono abilitati anche al servizio di bigliettazione e controlleria, impedire la salita a chi non è in condizioni decenti (come riportato nel regolamento di trasporto Cotral.

Sulla questione del vandalismo, non si è ancora compreso chi debba controllare, chi debba indagare e soprattutto come vengono rintracciati i colpevoli per far loro scontare eventuali condanne e far fronte ai risarcimenti.

Se il controllo della sala operativa centrale di via Alimena avviene a posteriori, una volta scesi dal pullman i colpevoli si dileguano. Se invece il monitoraggio funzionasse in tempo reale (tutti ci auguriamo sia così altrimenti il futuro è decisamente lontano!!!!), la sicurezza a bordo sarebbe garantita ed i vandali perseguiti e fatti pagare.

Purtroppo non si ha contezza di tutto ciò, o almeno non sui collegamenti che insistono nella provincia di Rieti. Ne sono testimonianza le foto riportate da un utente iscritta al CPR stamattina sulla pagina facebook del CPR (foto), sedili di un pullman nuovo vandalizzati, che adesso obbligheranno l’azienda al fermo del mezzo per intervenire con la riparazione.

E che dire delle molte fermate lungo la direttrice Rieti-Roma, e chissà nell’interno lungo le tratte locali, assolutamente fuori norma e pericolose, che mettono a repentaglio l’incolumità degli utenti, di chi percorre la Salaria anche in macchina (talune sono quasi invisibili perché sprovviste di illuminazione) e che pongono dei rischi anche agli autisti. Fermate per cui Anas, Cotral e gli organi preposti a dare il nullaosta, sono tutti colpevoli e complici di questa ignominia (anche qui allego foto). Questo è il futuro che ci garantisce la Regione Lazio?

Parecchi malumori e polemiche, a distanza di una settimana dalla sua entrata in vigore, ha creato il “futuristico orario estivo” Cotral.

Ma le lamentele e le segnalazioni non hanno ancora indotto il responsabile dell’esercizio del deposito Cotral di Rieti a richiedere al responsabile dell’esercizio Cotral dell’intera Regione Lazio, un intervento immediato per ritornare sui suoi passi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi