Emergenza idrica nel Lazio, Zingaretti proclamerà lo stato di calamità naturale

Giu 21, 2022 | Altre Notizie | 0 commenti

di Rossana Alessandrini

Come in molte zone d’Italia, è allarme siccità anche nella nostra Regione e dal punto di vista dell’approvvigionamento idrico, la situazione rischia di farsi particolarmente complessa.

L’assenza di precipitazioni degli ultimi tempi sta infatti provocando una vera e propria emergenza idrica in tutti i territori del Lazio, tanto da spingere il presidente della Regione Nicola Zingaretti a muoversi verso la proclamazione dello stato di calamità naturale.

“Nelle prossime ore proclamerò lo stato di calamità naturale, che servirà ad adottare immediatamente le prime misure e a invitare i sindaci alle prime norme di contenimento. Ovviamente dobbiamo prepararci a una situazione che sarà molto critica e che dovrà basarsi sul risparmio idrico di tutte le attività a cominciare dai consumi familiari. Ci saranno però anche forme di approvvigionamento e di presenza vicino alle amministrazioni comunali” ha sottolineato. “Per ora lo stato di calamità naturale è il primo step. Monitorando la situazione con le prefetture Acea e con gli altri attori interessati vedremo quali altri passaggi successivi si faranno. L’emergenza climatica non è un problema del futuro è un problema del presente – ha aggiunto– Comincia addirittura ad essere stancante dirlo. Vediamo cosa sta succedendo in tutta Italia e dobbiamo muoverci anche noi. Per ora mi permetto di dire a tutti: fare i conti con l’emergenza climatica vuol dire risparmiare acqua”, ha concluso Zingaretti.

L’estate 2022 potrebbe davvero rivelarsi rovente, una delle più calde di sempre, dopo la torrida estate da record del 2003, e non si tratterebbe di sterile allarmismo bensì di cruda ed effettiva analisi dei fattori meteo-climatici attuali. Ciò costituirebbe dunque una non secondaria aggravante ad un fenomeno che già desta molte preoccupazioni. Sono solo 162 i millimetri di pioggia caduti quest’anno, esattamente la metà rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e a risentirne sono i fiumi di tutto il territorio nazionale.

Boccheggiano anche Tevere, Sacco e Aniene, che registrano un livello di acqua di molto inferiore rispetto allo scorso anno: sarebbero infatti più bassi di oltre un metro e le bombe d’acqua peggiorano la situazione. A tal proposito, è stato fissato per domani, 21 giugno, un Osservatorio straordinario con la partecipazione di Comune, Regione, Consorzio di Bonifica e Autorità di Bacino del Tevere per affrontare il tema e provare a gestirlo nella maniera più adeguata.

A spiegare concretamente cosa ha condotto alla necessità di convocare la riunione è Erasmo de Angelis, segretario generale dell’Autorità di Bacino del Tevere: “Anche il Tevere che scorre intorno ai 100 metri cubi al secondo ha una calo di portata abbastanza preoccupante, che ovviamente deriva dal calo di portata dei suoi 42 affluenti. C’è una forte preoccupazione.”

Proprio in base agli ultimi dati pubblicati da tale ente, diventa sempre più alta la probabilità che nella regione Lazio venga applicato il razionamento dell’acqua già nei prossimi giorni. Si partirebbe da un’iniziale diminuzione della potenza idrica, di cui risentirebbero soprattutto le zone a bassa pressione, come gli appartamenti che si trovano ai piani più alti.

Determinanti in tal senso saranno i prossimi dieci giorni: se non dovesse esserci alcun cambiamento o miglioramento significativo e dovessero continuare a mancare precipitazioni di una certa importanza, sarà tanto inevitabile quanto doveroso studiare e valutare l’attuazione di misure ancora più specifiche e restrittive.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi