VIRGINIA RAGGI, SARA’ UN SINDACO ALL’AMATRICIANA?

Giu 14, 2016 | Politica | 0 commenti

Cosa c’entra l’amatriciana con gli scambi di accuse e polemiche nella campagna elettorale in vista del ballottaggio per le elezioni a Sindaco di Roma?
E’ quello che chiede a Virginia Raggi la Città di Amatrice e un’intera comunità di amatriciani, molti dei quali residenti proprio nella Capitale.

«Qui a Roma fanno il patto del Nazareno all’amatriciana» questa è la frase pronunciata da Virginia Raggi nel corso della trasmissione In Mezz’Ora di Lucia Annunziata, che ha fatto sobbalzare sulle poltrone migliaia di amatriciani, Sindaco in testa.
«Sgradevole e inaccettabile l’uso dispregiativo del termine amatriciana» dichiara il Sindaco della Città di Amatrice Sergio Pirozzi «sarebbe ora che la politica inizi veramente a fare le cose all’amatriciana, cioè bene» continua Pirozzi «non è la prima volta che politici, giornalisti, soubrette televisive usano il termine “all’amatriciana” in senso negativo, ricordo che ci risentimmo anche con il premier Renzi quando utilizzò il termine “tangentari all’amatriciana” per riferirsi a Mafia Capitale».

La città di Amatrice è patria degli spaghetti all’amatriciana, e gli amatriciani sono un popolo molto orgoglioso, fiero custode della propria identità e delle tradizioni secolari, tra cui proprio quella della famosa salsa, un prezioso brand del Made in Italy, famosissimo in tutto il mondo.
«Fare le cose all’amatriciana vuol dire fare le cose per bene» incalza il Sindaco Pirozzi «la Città di Amatrice è un angolo d’Italia in fermento che ha saputo valorizzare il proprio patrimonio artistico, culturale, gastronomico, naturalistico, con azzeccate politiche di sviluppo che forse non hanno eguali. E’ la Città che ha saputo unire in Associazione i Comuni dimenticati d’Italia per rivendicare il loro diritto di esistere, che ha saputo difendere il proprio ospedale, il liceo scientifico, l’Istituto alberghiero dalle politiche dei tagli e degli accorpamenti, è uno dei Borghi più belli d’Italia, ha percentuali da record nella raccolta differenziata, un trend positivo nel settore del turismo, ha ricevuto tanti premi e riconoscimenti, insomma fare le cose all’amatriciana è sinonimo del fare le cose per bene».
Certo è che Roma deve molto ad Amatrice e a quegli amatriciani che, fin dall’800, emigrarono nella Capitale lavorando nei ristoranti locali e che pian piano aprirono tanti nuovi locali dando lustro e diffondendo la ricetta dell’amatriciana, ormai simbolo turistico anche della Città eterna.
Non dimentichiamo, infatti, che sono migliaia gli amatriciani residenti a Roma e che i principali ristoratori romani sono, appunto, amatriciani.
«A Virginia Raggi voglio dire che mi auguro che il suo sia stato semplicemente un lapsus, sicuramente sarà così» prosegue il Sindaco Pirozzi «e anzi, la invito ad Amatrice affinché possa, con i suoi occhi, rendersi conto che ad Amatrice si fanno le cose per bene, e con l’occasione potrà assistere alla preparazione dei veri spaghetti all’amatriciana, preparati dagli Chef dell’Istituto alberghiero di Amatrice».
«Se diventerà Sindaco di Roma» chiude Pirozzi «il mio augurio, per lei, è proprio quello che possa essere un Sindaco all’amatriciana».

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi