Incendi, vigili del fuoco sotto organico

Ago 23, 2012 | Altre Notizie | 1 commento

I Vigili del fuoco del Comando Provinciale di Rieti,  stanno fronteggiando con enorme spirito di sacrificio e prontezza operativa, la difficile situazione inerente gli incendi boschivi di questa torrida estate.

Con un organico ridotto all’osso, costituito nel turno diurno di 12 ore di servizio,  da solo  16 vigili permanenti e 4 vigili volontari, distribuiti su 4 partenze scarse tra le sedi di Rieti, Poggio Mirteto e Posta, i lavoratori del Comando Provinciale di Rieti, hanno fatto fronte nei mesi di, luglio e fino al 19 agosto,  a 689 interventi di soccorso di cui 380 per  incendi di bosco, con una percentuale di questi ultimi, pari al 55% degli interventi complessivi effettuati.

Nei 58 giorni monitorati (dal 01 luglio al 19 agosto), la forza  lavoro totale impiegata per gli incendi di bosco è stata di 1900 vigili, dei quali 633  richiamati in lavoro straordinario, aggiuntivo ai normali turni di servizio e che hanno consentito di dare una risposta operativa ad oltre  1/3 degli incendi  effettuati .

Rispetto al dato annuale, a far data dal 01 gennaio, e fino al 19 agosto  2012, sono stati   580 gli incendi di bosco e sterpaglia, dei  quali ben 380 concentrati nei mesi di luglio e agosto, dato questo che  corrisponde, in termini  percentuali,  al 65%  del totale degli incendi di bosco effettuati su base annua..

Per quanto attiene ai danni prodotti dagli incendi, il dato relativo alla superficie bruciata  in questi ultimi e torridi 58 giorni,  ammonta a 829 ettari di terreno percorsi dal fuoco.

La situazione di cui sopra è stata fronteggiata solo grazie al richiamo in servizio del personale Vigile del Fuoco in turno libero  di riposo (almeno 5 unità al giorno); questo  ha consentito di  garantire l’intervento di soccorso tecnico urgente , rispettando i tempi di prontezza operativa previsti a livello europeo e stimati in circa 20 minuti dalla richiesta pervenuta al numero di soccorso 115.

E’ evidente che il ricorso al lavoro straordinario costituisce un  aumento dei normali carichi di lavoro e questo favorisce l’usura psico-fisica del personale in servizio che oltre alla normale turnazione, deve garantire il pronto rientro in servizio secondo le condizioni operative di emergenza. A cio’ si aggiunge che le emergenze nazionali relative alle richieste di invio in missione presso le zone terremotate di L’Aquila  e dell’Emilia , nonché il prioritario servizio di elisoccorso  regionale, impongono un’ulteriore riduzione delle  risorse umane disponibili  che di fatto aggravano l’aumento dei già elevati carichi di lavoro gravanti sui Vigili del Fuoco del Comando di Rieti.

La sostanza è che la carenza di organico del Comando di Rieti  non è piu’ sostenibile e purtroppo, non  si prevedono in futuro, grazie anche alle norme sulla  revisione della spesa pubblica, nuove assunzioni e sostituzioni del personale collocato in pensione o non piu’ idoneo al servizio operativo, con il rischio sempre piu’ credibile e crescente di aumento degli infortuni  in servizio e delle relative inidoneità al soccorso tecnico urgente.

Tutto questo favorisce e favorirà, l’impossibilità di garantire, nei tempi europei il  soccorso ai  cittadini  che si rivolgono ai Vigili del Fuoco, perché bisognosi di aiuto.

La CGIL denuncia questo stato di cose al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e le forze politiche, sull’effettiva necessità di garantire ai cittadini il  servizio espletato dai Vigili del Fuoco, servizio che potrà essere garantito in futuro solo se saranno superati i blocchi per le nuove assunzioni  di personale e saranno rese
disponibili nuove risorse in termini di attrezzature e mezzi .

E necessario quindi che le norme sulla revisione della spesa pubblica siano modificate non solo per i Vigili del Fuoco, ma per tutto il comparto pubblico visto che a  Rieti ,l’economia che sostiene  la città è fondamentalmente fatta da stipendi pubblici e che il silenzio della classe politica cittadina su questo aspetto è di certo preoccupante.

La CGIL sollecita i partiti e le assemblee istituzionali di Comune e Provincia ad adottare iniziative nei confronti del Governo e della Regione Lazio affinché la situazione di cui sopra sia oggetto delle necessarie modifiche legislative che consentano lo sblocco del turn over e un potenziamento del dispositivo di soccorso dei  Vigili del Fuoco sul territorio a partire dall’apertura del distaccamento di Poggio Mirteto, per il quale necessita da parte della Provincia, l’intervento di adeguamento sismico per gli edifici strategici, così come richiesto dal Ministero dell’Interno.

Altresì per quanto attiene agli incendi boschivi per la CGIL è necessario che il coordinamento operativo delle varie componenti operanti nel territorio provinciale (Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato, Volontariato di Protezione Civile),  sia riportato sotto il controllo unitario della Sala Operativa del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco  al fine di ottimizzare le risorse umane e i mezzi disponibili da utilizzare  sul territorio Provinciale.

1 commento

  1. I Sindacati,si impegnino a far assumere tutti gli idonei delle graduatorie dei concorsi…., cosi’ da sopperire ai vuoti di organico su tutto il territorio Nazionale.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi