LA ZEUS METTE A SEGNO IL PRIMO PUNTO SU FORLI E MARTEDI SERA SI REPLICA

Apr 29, 2019 | Altre Notizie | 0 commenti

RIETI – La Zeus NPC si aggiudica gara-1 degli ottavi di finale play off. Una “quasi pregiera” di Antino Jackson, confermatosi nella circostanza eccelso giocatore “casalingo” (lontano dalle mura amiche il rendimento del rookie scema non poco), compensa le strepitose zingarate di un incontenibile Giachetti, donando agli amarantoceleste il punto dell’1-0. I play off mancavano al PalaSojourner da 13 anni, ma da allora non sono cambiati di una virgola. Si tratta di gare intense e combattute, equilibrate e nelle quali, spesso, la differenza la fanno gli episodi. “Come il canestro di Jackson che ha dato la vittoria alla Zeus – commenta in sala stampa il coach dei romagnoli, Marcelo Nicola che, di certo, non brilla per simpatia e per capacità comunicative – potevamo vincerla noi o loro, e’ andata bene a Rieti in virtù di un episodio propizio. Martedì sera speriamo che tocchi a noi, cosi da riuscire a mettere a segno il punto del pareggio”. Intanto Rieti fa sua gara-1 che, storicamente, è il match più difficile di un play off e ricarica le batterie per gara-2. C’e’ soltanto il tempo di tirare il fiato, soltanto 48 ore e poi sarà di nuovo Rieti contro Forlì. I romagnoli, seppur ancora privi di Johnson, terminale offensivo di pregio, si sono confermati formazione di valore: offensivo e difensivo. Non finisce di stupire Jacopo Giachetti che e’ stato incontenibile e devastante. Giachetti ha “ferito” Rieti con un primo tempo da 15 punti e il 100% al tiro. L’ex Virtus Roma e’ tornato in auge quando serviva, nell’ultimo spicchio di gara, mettendone ancora 13 (di parziale) che uniti ai 15 del primo come ai (soli) 2 del secondo spicchio di gara fanno un totale di: 30 punti! Non sono comunque bastati. Come non e’ stato sufficiente, per Forlì, imbrigliare a dovere Bobby Jones. Ci voleva poco a capire che il gioco della Zeus passa tutto “da e per” Jones. Marcelo Nicola ha predisposto sull’ex Nba una gabbia perfetta, alternando De Laurentiis e Lawson con opportuni raddoppi degli altri che hanno praticamente tolto dalla partita il primo terminale offensivo amarantoceleste. Cosi Rieti ha visto le streghe. L’auspicio e’ che, con tali premesse ed un eventuale dejavù di gara-1, in occasione di gara-2 la Zeus possa ritrovare un Casini all’altezza della situazione ed un Tomasini più sicuro e più attento cosi da “aprire” la difesa e dare maggiori chance ai lunghi reatini. Marcos ha provato qualcuna delle sue classiche conclusioni, ma l’italoargentino, ormai da un paio di mesi, litiga col canestro. Peccato! Perché Rieti ha assoluta necessità che Casini torni a fare il…..Casini. Tomasini che a Treviglio sembrava essersi emancipato, ha compiuto non uno, ma due passi indietro. Peraltro egli ha letteralmente regalato agli avversari un paio di possessi che, nel terzo quarto, hanno restituito fiducia a Forlì. Insomma, la pericolosità dall’arco della NPC e’ stata ridotta ai minimi termini. Buon per Rieti che Giovanni Carenza, ben supportato da Toscano, abbia avuto un impatto enorme sulla partita. Carenza e’ stato determinante e prezioso e non soltanto in attacco, ma pure in fase di contenimento sui pericolosi lunghi avversari. Un plauso a Vildera che migliora di partita in partita, garantendo punti, difesa e rimbalzi: bravo! Al resto ha pensato Antino il quale, prescindendo dal cesto che è valso il successo alla sua squadra, e’ stato artefice di una performance di grande spessore. E’ stato il rookie reatino a letteralmente creare, inventare, per i compagni (8 assist) come per se medesimo, il canovaccio offensivo di una gara dura, difficile e nervosa che ha avuto nel rookie texano il protagonista principe. Forlì si e’ dimostrata compagine di rango, come nelle aspettative. Giachetti e’ stato incontenibile ripetendo, a 35 anni suonati e dopo ben 11 stagioni (correva il campionato di serie A1 – 2008) una prestazione eccelsa che, oltre due lustri or sono valse l’affermazione della Virtus Roma sulla NSB di Jerry Green, ma che (buon per Rieti) domenica sera ha avuto un esito propizio ai colori reatini. E martedì sera si replica. Vedremo quali conclusioni i due tecnici – Nicola e Rossi – avranno saputo trarre da gara-1 e se saranno in grado di apportare cambiamenti tecnico-tattici idonei a spezzare il grande equilibrio che sembra possa e debba accompagnare tutta la serie di questo play off. (Valerio Pasquetti)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 anno
  • Google

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 179 giorni
  • YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Sessione
  • YouTube

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi